RIVIERA EXPRESS: quando ripartirà il TRENO diretto MILANO-MOSCA?

La situazione aggiornata sul più lungo viaggio in treno senza cambi da Milano


A causa della pandemia uno dei viaggi in treno più suggestivi d’Europa, il più lungo da Milano senza cambi, è stato temporaneamente sospeso. Scopriamo il suo tragitto e la situazione attuale del servizio.

RIVIERA EXPRESS: quando ripartirà il TRENO diretto MILANO-MOSCA?

# Il treno da Milano a Mosca è stato fermato dalla pandemia

Credits nick_photoarchive-pixabay – Mosca Belorussky, stazione di arrivo

La pandemia da Covid-19 ha fermato anche il treno diretto a Mosca. Ormai dalla prima ondata, febbraio 2020, il convoglio in partenza la domenica mattina alle ore 4.37 da Milano Rogoredo non ha più viaggiato. Al momento non ci sono ipotesi sulla data di ripristino del servizio. Alla fine del 2020 la stessa sorte è toccata ai treni Nightjet delle ferrovie ÖBB diretti a Vienna e Monaco di Baviera che però nel corso del 2021 hanno ripreso a circolare regolarmente. Nella fase più acuta della prima ondata anche i Treni della Memoria diretti ai campi di concentramento nazisti erano stati sospesi per essere riattivati in seguito.


Ma torniamo al viaggio Milano-Mosca. Vediamo quanto dura, quali Paesi attraversa e quanto costa un biglietto.

# 40 ore di viaggio senza cambi

Credits russianrail.com – Tragitto Treno Nizza-Mosca

Il viaggio in treno da Milano Rogoredo verso Mosca è il più lungo tragitto che si possa fare partendo dalla nostra città senza effettuare cambi, dura 40 ore, anche se il locomotore viene sostituito all’ingresso di ogni Paese. La partenza della linea che è attiva dal 2010, denominata Riviera Express, avviene da Nizza. Lungo i suoi 3.318 km ad una velocità media di 66km/h attraversa altri 5 Paesi oltre all’Italia prima del capolinea: Austria, Germania, Repubblica Ceca, Polonia e Bielorussia. Tra le fermate nel nostro Paese oltre a Milano, ci sono San Remo, Genova, Verona e Bolzano, per un totale di 26 stazioni sull’intero tracciato.

# Ci sono anche le carrozze lusso e il prezzo del biglietto può arrivare a superare i 1.000 euro

Il treno della Compagnia Federale dei Viaggiatori, filiale delle ferrovie russe RZD, si compone di 12 vagoni di cui 2 ristorante ed è dotato di cabine con letto e bagni con doccia, aria condizionata e riscaldamento, ma è assente il wi-fi per connettersi a internet. A bordo possono salire massimo 156 viaggiatori. I prezzi partono da 300 euro, per un posto nell’unica carrozza di seconda classe, per salire nelle 6 di prima classe fino a superare i 1.000 euro nelle 3 carrozze di lusso. In dotazione ad ogni passeggero, salvo che non sia incluso nella tariffa e quindi da pagare a parte, c’è la biancheria in pacchi sigillati: due lenzuola, una federa e un asciugamano



Ancora più dettagli su questo treno li trovate qui: Da Rogoredo ogni settimana parte un TRENO diretto a MOSCA

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI LUOGHI in Italia dove BACIARSI è un OBBLIGO
Articolo successivoLa nonna che ha salvato il mondo
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.