Un weekend a NIZZA, patrimonio dell’Unesco: 10+1 cose da non perdere

Alla scoperta della perla della Costa Azzurra, a pochi chilometri dal confine con l'Italia, appena nominata Patrimonio dell'Umanità

Credits: @laloutiti IG

Soprannominata la “Perla della Costa Azzurra”, Nizza è una città che ha molto da offrire ai suoi visitatori. Il fascino travolgente che conserva ancora il ricordo della Belle Époque, l’eleganza e la raffinatezza delle sue boutique e i suoi magazzini di lusso. È moderna e attiva, ma ozi e mondanità non mancano per poter vivere a pieno la città in totale serenità.

Un weekend a NIZZA, patrimonio dell’Unesco: 10 cose da non perdere

Nizza è diventata patrimonio UNESCO. Il 27 luglio 2021, le Nazioni Unite hanno deciso di premiare l’eccezionale valore universale del patrimonio architettonico, paesaggistico e urbanistico di Nizza, città in grado di fondere influenze culturali ed internazionali. Avendocela non troppo lontano da Milano e, in generale, ad un passo dal nord-ovest italiano, ecco le 10 cose da non perdere per un weekend a Nizza.

#1 La Promenade des Anglais, uno dei simboli di Nizza

credits: @arturmusaelean IG

Voluta dal reverendo inglese Lewis Way e iniziata a costruire nel 1820, la Promenade des Anglais è la strada più conosciuta di tutta Nizza. È sempre fiorita e costeggiata da palme, ma soprattutto è impossibile non percorrerla durante un weekend in città, osservando il mare della Costa Azzurra, da una parte, e le decapottabili che sfrecciano dall’altra. Un lungomare di 7 chilometri dal porto all’aeroporto, la “Prom”, così chiamata affettuosamente dai nizzardi, ai tempi era il luogo preferito per il passeggio degli aristocratici inglesi, oggi è luogo di incontro degli amanti della spiaggia, sportivi e in generale centro della vita cittadina.

#2 La Vieux Nice, per rivivere lo spirito della storia 

Credits: @cest_nice_ici IG

Nizza non è solo mare e il suo centro storico, conosciuto come la “Vieux Nice” (ovvero vecchia Nizza), ne è la prova. Viuzze affiancate da case e palazzi colorati. Case addossate l’una all’altra su piccole strade dominate dai colori del giallo e dell’arancione, viuzze che poi si aprono in grandi piazze barocche. Il suo centro storico fa rivivere la storia della città dall’era greca fino ai giorni nostri, vicolo dopo vicolo, in un pittoresco viaggio da fare a piedi tra chiese barocche, come la cattedrale di Santa Reparata, e colorati mercatini. La via più conosciuta della Vieux Nice è Cours Saleya, zona pedonale dove viene organizzato uno dei mercati dei fiori più belli della Francia.

#3 La Cattedrale di San Nicola, un gioiello dell’arte russa

Credits: @ bougeranice IG

Assolutamente da non perdere è la Cattedrale di San Nicola, un gioiello dell’arte russa, la più grande chiesa ortodossa russa fuori dai confini nazionali nonché l’unica ad aver ricevuto il titolo di cattedrale prima della rivoluzione del 1917. Una cattedrale decisamente esotica dai colori vivaci, con cinque cupole a bulbo e un’architettura ispirata alla Chiesa di San Basilio di Mosca. Naturalmente, l’interno si rifà alle più belle chiese di Mosca con affreschi, decorazioni e oltre 3000 icone.

#4 Parc de la Colline du Château, una passeggiata tra le rovine del castello

Credits: @dnccde IG

Tra i luoghi preferiti dai nizzardi e dai turisti, c’è un parco di 19 ettari sulle colline della città. Da qui si può godere di una delle viste più belle di Nizza sulla Baia degli Angeli e il Porto di Nizza, si sta parlando della collina del castello. Un posto che conserva le tracce del passato con la sua torre Bellanda, la cascata del castello, il primo cimitero moderno di Nizza con delle magnifiche tombe ed il grande Memoriale ancora visibili. Una collina testimone della storia di Nizza e chiamata “del castello” perché dagli anni mille fino al Settecento era la cittadella più inespugnabile d’Europa.

#5 Cimiez, il quartiere del lusso e della diversità

Credits: @melissabasut IG

Prossima fermata: Cimiez, lo storico quartiere ricco e colorato situato proprio in cima ad una collina che porta il suo stesso nome. A circa 2 km dal centro di Nizza, Cimiez è uno spazio che celebra la diversità e promette infinite cose da fare e infiniti angoli nascosti da scoprire. Partendo dallo sperimentare il fascino coinvolgente della Belle Époque nelle sue sontuose ville e palazzi, come l’Hotel Victoria o il Majestic Palace, fare un salto nel passato visitando le rovine dell’anfiteatro romano oppure godersi un po’ d’ombra nel polmone verde della città, il parco Cimiez.

#6 Itinerario artistico tra i Musei di Nizza

Credits: @matchwithart
Museo Matisse

Costa Azzurra e arte vanno a braccetto e Nizza ospita alcuni musei dedicati a grandi artisti. Tra questi c’è certamente quello di Henri Matisse, uno dei pittori, incisori, illustratori e scultori più noti del XX secolo, un artista con la A maiuscola. Nella capitale della Costa Azzurra, precisamente nel quartiere di Cimiez, il museo dedicato a Matisse ospita 31 dipinti, 454 disegni e incisioni, 38 guazzi tagliati e 57 sculture e la sua particolarità è proprio il fatto di essere stato allestito nella villa Arènes del XVII secolo, vicino a quella che era la vecchia residenza di Matisse all’Hotel Regina. 

Ci sono poi il Museo Nazionale Marc Chagall o, per tornare a tempi più antichi, il Museo archeologico dove sono custoditi reperti romani. Ancora, altri musei che arricchiscono il patrimonio nizzardo sono il MAMAC, un museo d’arte moderna e contemporanea, il Museo di Arte Asiatica, il Museo delle Belle Arti, il Museo Charles Nègre di fotografia e il Museo Palais Lascaris per gli amanti della musica.

#7 Parco Phoenix, il diamante verde della città

credits: @edwige_angel IG

A pochi metri dall’aeroporto internazionale di Nizza e dalla Promenade des Anglais si trova il Parco Phoenix. Chiamato anche “Parco floreale” per i suoi sette ettari di fiori e vegetazione, il parco Phoenix rappresenta una delle serre tropicali a forma piramidale più grande d’Europa. Inizialmente costruito nel 1990 come orto botanico, ora il “Diamante Verde” ospita ben sei diverse zone climatiche tropicali e subtropicali distribuite su 7000 metri quadrati che fanno da casa a 7500 varietà di fiori e piante e 3800 animali di 150 specie differenti tra lemuri, gru reali, pellicani e molto altro ancora. Una vera e propria immersione nella natura selvaggia ma che mantiene un saldo legame con l’essenza francese, in quanto si può ammirare anche un piccolo cottage in stile provenzale, proprio all’interno del parco. Inoltre, il Parco Phoenix è anche sede del museo di Arti Asiatiche in cui è possibile assistere alla tradizionale cerimonia del tè.

#8 Le atmosfere barocche del Palais Lascaris

Credits: @ptrdh IG

Si è detto che la città vecchia è sicuramente una delle tappe imperdibili a Nizza, ma, se si vogliono dei nomi precisi di siti da vedere, allora uno è certamente Palais Lascaris. È forse l’edificio più rappresentativo di Nizza, sicuramente il più se si parla dell’età barocca. Il Palazzo, infatti, situato a 15 Rue Droite nella Vieux Nice, mette in mostra tutte le fasi successive dell’architettura barocca. Con soffitti vertiginosi che raccontano storie e una prevalenza assoluta del colore giallo, camminando per i corridoi del palazzo è come se si vivesse la quotidianità di una delle famiglie aristocratiche francesi più importanti, i Lascaris-Vintimille.

#9 Piazza Massena, il centro di ispirazione ligure

credits: @fafa.voyages IG

Sicuramente imperdibile in un weekend a Nizza è un giro nel gioiello della città, una delle sue piazze principali, Piazza Massena. Unisce la Nizza vecchia agli edifici più moderni, ma soprattutto ospita la vita cittadina e turistica della città. Con i suoi edifici color rosso pompeiani e le persiane blu e la pavimentazione a scacchi, Piazza Massena è uno dei simboli della città. Sedersi in uno dei suoi bar e osservare la gente che passa e i tram che attraversano la città è forse uno dei modi migliori per assaporare la vita nizzarda. Nella piazza non mancano poi i negozi. Uno dei palazzi ospita le famose Galeries Lafayette, cinque piani dedicati all’alta moda e alle grandi firme.

#10. Una passeggiata da Nizza a Villefranche-sur-Mer per godersi il PANORAMA

credits: @villefranchesurmer IG

Oltre alla Promenade des Anglais, un altro punto perfetto per una passeggiata da percorrere con calma, ammirando e fotografando il paesaggio è il sentiero del litorale che da Nizza prosegue fino a Villefranche-sur-Mer. Un percorso che può impiegare un massimo di 2 ore costeggiando il mare. Adatto a persone di tutte le età, presenta anche opzioni di difficoltà maggiore per chi è un amante delle sfide e del trekking.

#10+1. Mont Boron per ammirare il tramonto tra i profumi del parco

credits: @andlifemarie IG

Un quartiere residenziale composto da lussuose residenze e ville, il Mont Boron è una collina ad est di Nizza che sorge a 191 metri. Uno dei punti più suggestivi di Nizza che offre un magnifico panorama su tutta la città e una splendida veduta sulla baia Villefranche-sur-Mer e sui rilievi delle Alpi. Particolarmente indicato per ammirare il tramonto sulle acque cristalline della Costa Azzurra e trattenersi per un picnic tra i pini d’Aleppo, i carrubi e gli ulivi del Parco Forestier du Mont Boron.

Per saperne di più: www.nicetourisme.com e www.france.fr 

BEATRICE BARAZZETTI in collaborazione con SELENE MANGIAROTTI

Copyright milanocittastato.it 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here