Perché SANKT MORITZ è così amata dai milanesi? 7 MERAVIGLIE UNICHE della perla dell’Engadina

Chi arriva dalla città dei Navigli non può che innamorarsi di un villaggio montano in riva a un lago su un immenso altopiano

Credits badruttspalace IG - Badrutt’s Palace

Perla delle Alpi incastonata a 1822 metri di altitudine, questa piccola località a soli 50 km dai confini con l’Italia è da decenni una meta obbligata per la borghesia milanese e non solo. Scopriamo perché.

Perché SANKT MORITZ è così amata dai milanesi? 7 MERAVIGLIE UNICHE della perla dell’Engadina

#1 Centro termale dalla fine dell’800

Credits iamchabba IG – Terme Sankt Moritz

Sankt Moritz è nata e si è sviluppata come centro termale agli inizi dell’800 e ancora oggi immergersi nelle acque ricche di ferro della zona è un appuntamento unico, in estate come in inverno. Le terme si trovano nella parte bassa del paese, Saint Moritz Bad, al Kurhaus.


#2 Un lago scenografico su un altopiano spettacolare

Credits anntraveldiaries IG – Lago di Sankt Moritz

Da una città dell’acqua a un paese sull’acqua. I milanesi non possono che sentirsi a casa in un villaggio di montagna su un altopiano in riva a un lago. Sia in estate, con i suoi bei colori vivaci, sia forse ancora di più in inverno, quando ghiaccia il piccolo lago di Sankt Moritz è scenografico e assume dei contorni fiabeschi. Inoltre sulla sua superficie scintillante si pattina, si fanno corse coi cavalli, la famosissima gara White Turf e si gioca a cricket. D’inverno sulla distesa bianca si individuano le sagome di persone che lo percorrono a passeggio. 

#3 Emblema del lusso in stile british

Credits FeJo4711-pixabay – Carlton Hotel 5 stelle Sankt Moritz

Una delle località turistiche più antiche ed esclusive d’Europa, perla delle Alpi incastonata a 1822 metri di altitudine, è da sempre emblema del lusso. Si è affermata come destinazione per le vacanze d’élite durante il secolo scorso, grazie al boom degli sport invernali, ha ospitato ben 2 edizioni delle Olimpiadi. Un lungo elenco di hotel di super lusso, boutique d’alta moda e ristoranti stellati. Pochi sanno che furono gli inglesi all’inizio del secolo scorso a renderla una icona internazionale. Era il luogo infatti dove gli aristocratici che provenivano da oltremanica sostavano prima di proseguire per le località sul mare in Italia e in Francia. Gli inglesi hanno forgiato il luogo, realizzando i primi impianti sportivi, tra cui lo skeleton che serviva ad allenare i militari, e organizzando i primi club esclusivi, il cui accesso ancora oggi è quasi impossibile. 

#4 Regina degli sport invernali

Credits julia.dizhak IG – Piste da sci Sankt Moritz

Sankt Moritz è una meta ideale anche per praticare molti tipi di sport: bicicletta, mountain bike, vela, canoa. A dettar legge però sono gli sport invernali: hockey sul ghiaccio, pattinaggio, bob, curling, ovviamente sci grazie a 350 km di tracciati e sci di fondo, senza scordare lo snowpark. La prima pista di bob e di skeleton fu ralizzata proprio qui. Esiste anche una pista nera per gli amanti della slitta



#5 Il casinò nel Grand Hotel Des Bains

Credits andrea.grazioli1992 IG – Sankt Moritz Casinò

Il Casinò nel Grand Hotel Des Bains è famoso per essere il più alto della Svizzera, a oltre 1.800 metri di altitudine. Un luogo imperdibili pe gli amanti del gioco d’azzardo, ma anche per chi vuole ammirare una location d’epoca e lussuosa.

#6 La pasticceria Hanselmann, il paradiso dei dolci

Credits leonessaribelle IG – Pasticceria Hanselmann

La storica Pasticceria Hanselmann, finemente decorata con i suoi interni che richiamano l’arredamento tipico della Belle Époque, è nata nel 1894 ed è una vera e propria istituzione a Sankt Moritz. Gestito dalla stessa famiglia da quattro generazioni questo paradiso dolci è una tappa da non farsi assolutamente mancare. Altro luogo iconico è l’Hotel Salastrains, con la vista mozzafiato sulle montagne. 

#7 Il viaggio per arrivarci a bordo del Bernina Express

Credits Peggychoucair-pixabay – Bernina express

La soluzione perfetta per arrivare da Milano a Sankt Moritz è recarsi in auto o in treno fino a Tirano e poi salire a bordo del treno rosso del Bernina Express. Nelle due ore mezzo di viaggio per arrivare a destinazione si attraversano dei paesaggi da favola, soprattutto se c’è la neve, tra dirupi, montagne e laghi che si possono ammirare grazie alle enormi vetrate dei vagoni. L’arrivo a Sankt Moritz è uno spettacolo da lasciare a bocca aperta. La ferrovia è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco

Leggi anche: Il TRENINO ROSSO: la NOSTRA FERROVIA delle ANDE (VIDEO)

 

Continua la lettura con: La PERLA delle ALPI, a 2 ore da Milano l’unico comune italiano VIETATO alle AUTO

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.