Quando in centro a Milano c’era un piccolo PORTO sull’acqua

Interrato nell'Ottocento

0

Via Laghetto si chiama così perché per quasi 500 anni le acque del Naviglio vi formavano una darsena che aveva un piccolo porticciolo. Lo fece costruire Gian Galeazzo Visconti nel 1388 per accogliere i blocchi di marmo provenienti dal lago Maggiore, il marmo di Candoglia, necessari per la costruzione del Duomo, che arrivavano dal Ticino attraverso il Naviglio Grande.

laghetto1

A quei tempi l’unica darsena era il laghetto di Sant’Eustorgio perchè quella che ancora esiste oggi a Milano è stata realizzata solo nei primi anni del 1600, in epoca spagnola. Col passare degli anni il trasporto dei blocchi di marmo non servì più e il piccolo porticciolo di via Laghetto venne usato per il trasporto della legna e del carbone, finchè si decise di interrare lo specchio d’acqua per motivi igienici.

Questa scelta fu presa da Francesco Giuseppe, imperatore d’Austria, nel 1857, quando durante una visita in città si accorse che zanzare e cattivi odori che si alzavano dal laghetto creavano fastidio ai degenti dell’ospedale Ca’ Grande che sorgeva nei pressi e che oggi ospita la Statale.

laghetto3

Continua la lettura con: 7 stranezze uniche al mondo che puoi trovare solo a Milano

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteI MIGLIORI BAR di Milano: i 10 locali dove prendere un DRINK almeno una volta nella vita
Articolo successivoIl video del giorno: la TOP 10 delle cose da vedere vicino a MILANO