7 CURIOSITÀ che forse non sapevi sulla VECCHIA MILANO

Il ricordo di 7 luoghi di Milano un tempo celebri che ora non ci sono più

credits: nautica report

Sempre ricca di cosa da fare, da visitare, da vivere, Milano non smette mai di stupire. Tante curiosità nuove, ma anche vecchie, che portano con sé memorie di tempi passati ma non dimenticati.

7 CURIOSITÀ che forse non sapevi sulla VECCHIA MILANO

MilanoFree ci riporta indietro nel tempo alla scoperta di alcune particolarità sulla Milano di altri tempi.


# Il cimitero della Mojazza a piazzale Lagosta

credits: blog.urbanFile.org

Dove oggi si trova Piazzale Lagosta, prima sorgeva il cimitero detto “della Mojazza”, chiamato anche San Giuseppe della Mojazza. Il termine “mojà” in milanese significa inzuppare, ammollare ed è proprio per la particolare zona in cui sorgeva, un terreno decisamente pregno d’acqua, che prese questo soprannome. In questo cimitero, soppresso ormai dal 1895, vi erano sepolti numerosi personaggi celebri come Parini, Cesare Beccaria, Melchiorre Gioia, Francesco Melzi d’Eril e Carlo Mozart. Nel 1922 il volto del cimitero iniziò a cambiare e prendere forma in quello che oggi conosciamo come il trafficato Piazzale Lagosta. Vi era anche un oratorio delle Cascine Abbadesse, una sorta di convento femminile delle Agostiniane che oggi è stato trasformato in un condominio. Rimane, però, una piccola chiesetta.

# Il Barchett de Boffalora, il traghetto trainato dalla “rozza dei navigli”

credits: nautica report

Si chiamava il Barchett de Boffalora il traghetto che navigava sul Naviglio Grande e Abbiategrasso per tutto l’Ottocento, il cui capolinea era proprio Boffalora. Qui, vi si svolse la storica battaglia tra Austriaci e francesi nel 1859. Il traghetto era trainato dalla “rozza dei navigli”, o alzaie, grazie all’impiego di animali da tiro e ci impiegava 3 ore all’andata, ma un’ora in più al ritorno proprio perché viaggiava controcorrente.

# La prima birreria nata nel settecentoInterno birreria bq

Interno birreria bqCostruita in stile Liberty, il bar “Puerto Rico” era la prima birreria cittadina di Milano. Si trovava in via Agnello, un tempo chiamata contrada San Simpliciano.



# Il Palazzo dei Visconti e il convento di San Francesco

Entrambi demoliti in epoca napoleonica, un tempo si trovavano dove oggi sorge la Caserma Garibaldi. Il Palazzo fu l’abitazione di Maria d’Aragona insieme al marito Alfonso d’Avalos che divenne il governatore di Milano. Il convento, invece, era l’edificio più imponente nella skyline milanese e conteneva un’opera dipinta da Leonardo da Vinci dedicata alla Vergine delle Rocce. Venne restaurata e in seguito venduta ad un collezionista inglese.

# La piazza che prima era un macello

credits: pinterest

Prima ancora di essere la Piazza Sant’Agostino, era la piazza Macello. Qui, infatti, sorgeva il macello comunale. In seguito, venne abbattuto e sostituito con abitazioni e edifici scolastici. In questa piazza vi era anche la “Casa di Meneghino”, la celebre maschera carnevalesca meneghina, dalla quale aveva preso avvio il carnevale milanese nella metà dell’Ottocento.

# Il Villaggio demolito dopo la guerra

Credits: skyscrapercity.com – Il Villaggio Campo dei Fiori

A nord della Varesina si trovava il Villaggio Campo de Fiori, appartenente all’Istituto delle Case Popolari. Un complesso di villette popolari del 1919, completamente immerse nel verde e nella natura, di cui ogni strada portava il nome di un albero. Subì, però, un tragico destino. Venne demolito nel dopoguerra per essere poi sfruttato attraverso la costruzione di numerosi condomini.

# L’albergo del pozzo

credits: milanofree

Un edificio storico molto particolare che interessava principalmente i viaggiatori. Presso questa struttura, infatti, partivano numerose macchine con diverse destinazioni, sia europee, come l’Austria, Francia, Svizzera, che italiane, come Venezia, Trieste, Alessandria e Torino. Vi soggiornavano numerose personalità celebri e, per questa ragione, all’entrata si radunavano spesso gruppi di suonatori ambulanti per dare loro il benvenuto, nella speranza di racimolare qualche spicciolo.

Continua a leggere con: Anche a Milano c’è CAMPO DEI FIORI

SELENE MANGIAROTTI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.