All’inizio i tram di Milano erano trainati dai CAVALLI. Le prime linee urbane partivano tutte da Piazza Duomo

I tram sono uno dei simboli di Milano. Riviviamo la loro storia epica


I tram sono uno dei simboli di Milano. Riviviamo la loro storia epica. 

All’inizio i tram di Milano erano trainati dai CAVALLI. Le prime linee urbane partivano tutte da Piazza Duomo

8 luglio 1876. Viene inaugurata la Milano-Monza, la prima linea tranviaria milanese. Era a trazione animale e aveva il capolinea all’inizio dell’attuale corso Buenos Aires. L’anno successivo, il 24 giugno 1877, si inaugura una seconda linea, la Milano-Saronno, con capolinea all’Arco della Pace.

Il 6 giugno 1878 entra in azione la prima tranvia a vapore, diretta a Vaprio. Le prime tranvie del centro urbano, a trazione animale, furono introdotte nel 1881 in occasione dell’Esposizione Nazionale. Le linee avevano andamento radiale, con capolinea in piazza del Duomo, dirette verso le diverse porte cittadine.

Nel 1892 la Edison presentò un progetto di elettrificazione della rete tranviaria urbana, realizzando l’anno successivo una linea sperimentale, che andava da piazza del Duomo a corso Sempione. L’elettrificazione della rete fu completata nel 1901.

Continua la lettura con: La tram parade: i 7 più amati dai milanesi

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte        

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)        

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.