La CITTÀ dove si gira sui CARRELLI del MINIGOLF. Qui la macchina è abolita

Si è trovata una soluzione alla legge che vieta l'utilizzo dell'auto

Credits: www.catalinaexpress.com Avalon

Immaginatevi una città dove le macchine sono abolite, troppo grosse per passare tra le vie del paese, ma visto che muoversi solamente a piedi è scomodo e faticoso si decide di proporre i carrelli da minigolf come mezzi di trasporto. Sembra un’idea da film, di quelle prese per catturare l’attenzione dello spettatore proprio perché idee un po’ folli e strane che difficilmente si trovano nella realtà.

La CITTÀ dove si gira sui CARRELLI del MINIGOLF. Qui la macchina è abolita

Invece non è un’ipotetica scena di un film, anzi potrebbe esserlo, ma certamente è anche la realtà. Sì perché in California c’è un’isola chiamata Santa Catalina nella quale c’è solo una città: Avalon. È proprio qui che le persone non girano in macchina ma con dei carrelli da minigolf.


# Un’isola paradisiaca con un’unica città

Credits: @sagar.timalsina
Santa Catalina Island

Avalon è l’unica città di un’isola paradisiaca, perfetta sia per rilassarsi che per andare all’avventura divertendosi.  Con le sue meravigliose sabbie, i sentieri escursionistici e i bar sulla spiaggia sull’oceano, l’isola offre un’esperienza turistica unica che vuole soddisfare i desideri di tutti.

# Mille cose da fare ad Avalon

Credits: @bookingcom
Avalon

Come descrive il sito siviaggia.it qui si può fare uno dei più bei 10 snorkeling sul Pianeta grazie all’acqua trasparente e ad una vita sottomarina ricchissima. Ma non solo. Sull’isola si possono fare tour culinari, seguire uno spettacolo al Casinò e visitare il campo da golf più antico ancora operativo a ovest del Mississippi, nonché uno dei più panoramici dell’intera California. Un’isola dove la sua unica città, Avalon, è costituita da case che si aggrappano ad una ripida collina che avvolge il vivace porticciolo.

# Qui i residenti girano su golf cart

Credits: pinterest.it
Avalon

Oltre ad essere una città molto particolare, Avalon è certamente una città dalle abitudini strane. Abitudini però dettate da leggi. Qui le strade tortuose e ripide non sono facili da percorrere in macchina, inoltre la città vieta l’utilizzo di essa. Il numero di macchine che può entrare ad Avalon, infatti, è molto limitato e per questo si è trovato come opzione B l’utilizzare i golf cart.



Una soluzione così strana da essere diventata quasi un’attrazione turistica. All’interno della città e dell’isola, infatti, i giri turisti in golf cart sono molto famosi e i visitatori spesso noleggiano questi carrelli perché la trovano la soluzione più comoda e caratteristica.

# La legge

Credits: www.catalinaexpress.com
Avalon

Più precisamente nella città possono entrare solamente “autoette”, ovvero veicoli  sotto i 140 cm di larghezza, i 300 cm di lunghezza e che pesano meno di 820 kg. Per questo spesso si ritengono i golf cart la soluzione migliore. Inoltre, ogni residente può richiedere al consiglio comunale un permesso per possedere un “autoetta”, purché sia un solo veicolo per nucleo famigliare. Una legge abbastanza rigida che lascia subito intuire che per un privato possedere un auto dalle dimensioni normali è pressoché impossibile.

Continua la lettura con: Sapevi che NARNIA, il paese magico, esiste veramente? È in ITALIA

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.