I 5 PROGETTI che trasformeranno BERGAMO

Vediamo i più attesi nei prossimi anni

0
Credits comunedibergamo - Area ex ote progetto riqualificazione

Bergamo è la città in Lombardia, dopo Milano, che più sta ridisegnando il futuro dei suoi spazi abbandonati. A questi si aggiungono altri importanti progetti per la mobilità cittadina e dell’hinterland. Vediamo i più attesi nei prossimi anni.

I 5 PROGETTI che trasformeranno BERGAMO

#1 La rigenerazione dell’Ambito Ex Ote

Tra i progetti più attesi a Bergamo c’è la rigenerazione dell’Ambito Ex Ote (ex fabbrica Office Trasformatori Elettrici) tra il Cimitero Monumentale cittadino, la circonvallazione e il confine della città lato Gorle e Torre Boldone, e dei quadranti circostanti per una superficie complessiva di 150.000 mq. Alla conclusione della trasformazione la superficie privata passerà da 70.000 a 45.000 mq e il restante diventerà pubblico con:

  • un’arena con configurazioni flessibili, 6.500 posti per l’Auditorium, 5.200 come Palazzetto dello Sport e 1.200 come Hall;
  • una palestra da 350 posti;
  • 15.000 mq di superficie commerciale con magazzini, depositi ed esercizi di vicinato;
  • 5.000 mq di funzione residenziale con 100 appartamenti esclusivamente in locazione;
  • 6.000 mq di funzione alberghiera;
  • 4000 mq a terziario con centro benessere e Centro medico sportivo;
  • 25.000 mq di spazi aperti pavimentati e verdi.

#2 Il rinnovo della stazione dei treni

Credits comunedibergamo – Riqualificazione stazione ferroviaria Bergamo

La stazione ferroviaria di Bergamo si prepara ad una importante riqualificazione. Il progetto è di RFI con il supporto dell’architetto Cino Zucchi e si pone l’obiettivo di ricucire le aree nord e sud della città. Nel dettaglio si prevede:

  • l’allargamento gli spazi dello scalo ferroviari;
  • due nuovi “Fabbricati Ponte” che racchiudono tutte le funzioni primarie della stazione;
  • sistemi di accesso agli edifici di stazione ed alle banchine passeggeri, tramite scale, scale mobili e ascensori;
  • nuovi sovrappassi pedonali coperti che costituiscono accesso ai Fabbricati di Stazione e percorsi di attraversamento pedonale e ciclabile, con aree verdi e funzioni che definiscono un vero e proprio spazio nuovo;
  • la copertura di tutte le banchine;
  • l’eliminazione dell’attuale sottopassaggio.

L’investimento complessivo è di 80 milioni di euro, finanziato attraverso risorse PNRR.

#3 Bergamo Porta Sud, la riqualificazione dello scalo ferroviario

Credits comunedibergamo – Rendering scalo ferroviario Bergamo

A sud della stazione dei treni avrà luogo la riqualificazione della più grande area dismessa della città di Bergamo, quella dello scalo ferroviario. L’accordo di programma per la realizzazione del masterplan definitivo dovrebbe essere siglato nell’autunno del 2023. Il progetto Bergamo Porta Sud prevede 35.000 mq di aree verdi, di cui circa 6.000 metri quadrati destinati al nuovo landbridge a scavalco della linee ferroviaria che collegherà al nuovo parco ad est dello scalo di oltre 25.000 mq e proseguendo fino al quartiere di Boccaleone grazie alla futura pista pista ciclopedonale.

Dei 198.000 mq di edificato, circa 20.000 saranno destinati a housing sociale e convenzionato, e dei 25.000 mq di superficie commerciale, 5.000 mq destinati a mercato coperto.

Verrà creato un nuovo polo intermodale:

  • la stazione del trasporto pubblico di superficie verrà spostata in quest’area;
  • verrà costruito un parcheggio interrato da 2.000 posti per gli utenti delle stazioni RFI, TEB, TPL e del centro cittadino;
  • troveranno posto anche i binari della futura T2 e del E-BRT che andranno a integrarsi alla nuova stazione ferroviaria.

#4 La linea T2, la seconda linea tranviaria

Progetto Linea T2 Bergamo

Una delle infrastrutture più attese è invece la linea T2, la seconda linea tranviaria della città. Il tracciato si snoda lungo 16 fermate da Bergamo a Villa d’Almè per una lunghezza di circa 10 chilometri: Bergamo FS, Borgo Palazzo, San Fermo, S.Caterina, Stadio, De Gasperi, Crocefisso, Sant’Antonio, Pontesecco, Ponteranica, Ramera, Petosino, Almè Olimpia, Paladina, Almé Volta, Villa d’Almè Mazzi. L’investimento complessivo è stato stimato in circa 178 milioni di euro e dovrebbe entrare in funzione nel 2025.

#5 L’e-Brt, la prima linea di bus elettrici veloci 

Tracciato e-brt Bergamo

Entro il 2024 dovrebbe essere completata la progettazione e dato il via ai lavori per la prima linea e-Brt. Si tratta di un servizio di bus elettrici veloci, quindici quelli previsti inizialmente, che beneficeranno di un innovativo sistema di preferenziazione semaforica e di corsie riservate per il 73% del percorso. I comuni attraversati dalla linea saranno sette: Bergamo, Lallio, Dalmine, Osio Sopra, Osio Sotto, Verdellino e il Km Rosso di Stezzano per un bacino d’utenza di circa 200.000 persone. Il tracciato è lungo circa 15 km per 21 fermate. 

L’investimento previsto è di poco più di 84 milioni di euro, finanziato dall’Unione Europea attraverso il piano Next Generation EU, e l’inaugurazione è programmata per luglio 2026.

Continua la lettura con: La GRONDA NORD e le altre METROTRANVIE: i 5 PROGETTI che rivoluzioneranno la mobilità fuori Milano

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteLa CASA in VENDITA più COSTOSA di Milano
Articolo successivoPorta Vittoria: al posto del CINEMA ABBANDONATO sorgerà il 5 GIORNATE BUILDING
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.