A 2 ORE da Milano c’è il PAESE PIÙ BUIO d’Italia: la trovata geniale per portarvi la LUCE

Come vivere al circolo polare artico: dall’11 novembre al 2 febbraio vive in uno stato di perenne penombra. Ecco quale incredibile soluzione è stata trovata per portare la luce

Credits: Silvia Camporesi - Viganella

Nelle provincia di Verbania-Cusio-Ossola c’è una località che per 3 mesi l’anno è senza sole. Come vivere a nord del circolo polare artico. Ecco quale incredibile soluzione è stata trovata per portare la luce.

A 2 ORE da Milano c’è il PAESE PIÙ BUIO d’Italia: la trovata geniale per portarvi la LUCE

# Viganella la “Siberia italiana”, nella Valle Antrona, per 3 mesi all’anno è senza il sole

Credits: Silvia Camporesi – Viganella

Viganella è una località situata nella Valle Antrona, una delle più strette della Val d’Ossola, che insieme a Seppiana forma il Comune di Borgomezzavalle in provincia di Verbanio-Cusio-Ossola. Soprannominata anche la “Siberia Italiana” non tanto per il freddo, quanto per un fatto particolare: per 83 giorni all’anno dall’11 novembre al 2 febbraio si trova a vivere in uno stato di perenne penombra. Il sole è infatti confinato alle spalle della montagna di 2.000 metri che gli sta davanti.


Per molti secoli, fino al 2006, gli abitanti si sono rassegnati a non vedere mai la luce durante il periodo invernale, poi un’idea geniale ha trovato una soluzione a questo annoso problema.

 

# Il 17 dicembre 2006 uno specchio di 40 mq è stato posto sopra la montagna per riflettere la luce del sole 

Credits: Silvia Camporesi

Dopo anni di studi il Sindaco Midali e il suo amico architetto Giacomo Bonzani sono riusciti a trovare la soluzione al problema che affliggeva il paese da secoli: realizzare un enorme specchio che riflettesse la luce del sole tra le case.



Il giorno dell’inaugurazione dello specchio

Il 17 dicembre 2006 un elicottero trasportava lo specchio del peso di undici quintali e lo posizionava a 1.100 metri d’altezza. All’inaugurazione gli abitanti di Viganella si sono seduti ad ammirare lo “spettacolo” della luce del sole che finalmente giungeva nel paese.

# Le caratteristiche dello specchio e il suo funzionamento

Credits: arttribune.com – Funzionamento specchio Viganella

Lo specchio di vetro e resina ha una lunghezza di circa 8 metri ed una larghezza di 5 ed è in grado di riflettere la luce solare in direzione della vallata anche nei mesi di buio.

Credits: iltuoweekendinitalia iG

Nello specifico si riflette su alcuni punti principali quali la parte pedonale della piazza principale, la chiesa parrocchiale e i monumenti. Tramite un ulteriore gioco di specchi all’interno della chiesa, il sole arriva direttamente sull’altare dove giace il crocifisso e si posa sul costato insanguinato del Cristo.

Il gigantesco specchio è regolato da un computer durante il giorno e riposizionato durante la notte, così pioggia e vento ne puliscono la superficie, in modo che il giorno seguente riparta per illuminare la valle. La brillante soluzione è stata presa ad esempio anche da una piccola cittadina norvegese racchiusa tra le montagne, Rjukan, che dal 2013 ha adottato lo stesso sistema per non rimanere più al buio.

Fonti: Artribune , Commenti memorabili

Continua la lettura con: La PORTA del PARADISO: il lungo viaggio verso l’INFINITO

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteLo sci immaginario
Articolo successivoDal cilindro di MUSK la prossima novità in arrivo? L’AUTO VOLANTE
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.