5 modi INSOLITI per passare il weekend in LOMBARDIA

Alcune mete insolite, ma sicuramente incantevoli, da scoprire in compagnia

Vista da Brunate. Credits: @bellafotoitalia IG

È già tempo di organizzare il weekend? Un occhio al meteo e teniamo le chiamate rapide a portata di mano, per avere gli amici di sempre accanto in una di queste visite.

5 modi INSOLITI per passare il weekend in LOMBARDIA

#1 Con il naso in su ad ammirare la nuova street art a Milano

credits: Italy24news.com

Ci sono decine di tipologie di amici a cui piace girare per Milano. Turisti o semplici appassionati, milanesi in giro per lo shopping o per una passeggiata, oppure appassionati di arte urbana. Ognuno intento nelle proprie attività, consigliamo comunque di alzare lo sguardo da terra e portare il naso all’insù.


A Milano, come probabilmente in ogni città che si rispetti, c’è sempre un nuovo murale o disegno artistico pronto per essere instagrammato. Il prossimo in attesa di inaugurazione è il murale mangiasmog di Dergano, che va a fare compagnia ai dipinti di Cattelan alla piscina Cozzi o il nuovo di Cheone a Porta Romana.

#2 Nella location da Academy Award a Crema

credits: wearegalyplanet.com

Per le gite fuori porta da Milano una bella meta è Crema, alla caccia delle location del film premio Oscar “Chiamami col tuo nome”, di Luca Guadagnino. È possibile mettersi sulle orme dei protagonisti, Oliver ed Elio, ad esempio all’edicola sotto i portici del centro, oppure raggiungere Palazzo Patrini, l’elegantissimo palazzo con il portale ornato da un’aquila, seguire tutto il colonnato per arrivare al Mercato Austroungarico e scendere da Via Busa.

Esiste l’itinerario delle location del film “Call me by your name”, che si può concludere al Laghetto dei riflessi oppure nel bar della piazza, per rivivere un’iconica scena del film:  “Che facciamo qui?” – “Aspettiamo che finisca l’estate”.



#3 Il Bidet della Contessa

credits: laghettialpini.com

Per gli amanti delle escursioni sulle Alpi, il consiglio è di arrivare fino al Val di Mella, in provincia di Sondrio, per un’escursione che porta fino ad un laghetto che ha sicuramente il nome più curioso di tutti: “Bidet della Contessa”. Una gita diversa ai margini della Valtellina, che ha per compagnia la neve perenne del Monte Disgrazia. Ci si arriva anche con una navetta che parte dal borgo di San Martino e porta fino ad un sentiero da percorrere a piedi o in MTB per arrivare a specchiarsi nel lago cristallino, circondato dalla vegetazione autoctona e riflette l’incantevole panorama dei monti circostanti.

Per una vera gita enogastronomica nella zona, è sufficiente lasciare a casa la schiscetta e chiedere alle popolazioni locali, che ci indirizzeranno nelle trattorie tipiche con le specialità della cucina valtellinese.

#4 La spiaggia Bau Bau a Varenna

credits: visitalago.eu

Sul ramo orientale del Lago di Como, nella frazione di Perledo di Varenna e più precisamente in Località Malpensata, si trova l’unica spiaggia di tutto il lago accessibile liberamente agli amici a 4 zampe. In questo tratto di spiaggia i nostri amici pelosetti possono muoversi liberamente, senza museruola e guinzaglio, sempre sotto lo sguardo attento degli umani.

Le uniche raccomandazioni da seguire sono di portare i cani solo se regolarmente iscritti all’anagrafe canina, far loro indossare il collare con la targhetta identificativa ed accertarsi che siano in buona salute, non in calore e, soprattutto, non aggressivi. Per la frequentazione della spiaggia, poi, valgono sempre le buone abitudini già consolidate nella vita urbana e tutte le consuetudini della famiglia “allargata”.

#5 La vista dal Faro di Brunate

Credits: @1989gt IG

Ciò che si può ammirare e instagrammare dalla cima del Faro di Brunate, è uno dei panorami più belli di tutta la Lombardia. Il faro a pianta ottagonale, dedicato all’illustre Alessandro Volta dalla sua città natale, è opera di Gabriele Giussani e si trova in Località San Maurizio a Brunate. È alto 29 metri e da quella località domina tutta la vallata sottostante e le valli circostanti.

Nelle giornate limpide è possibile ammirare tutto l’arco alpino, gran parte della Pianura Padana e lo scorcio che regala su quel ramo del Lago di Como è davvero mozzafiato. Si sale sul faro con una scalinata, a piedi. La salita non è molto impegnativa e possono salire facilmente, facendo attenzione, anche tutti gli amici che soffrono di vertigini.

Continua a leggere con: Le 10 COSE più STRANE che abbiamo in Italia

LAURA LIONTI

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.