I tre BORDELLI di Brera, quando era la Pigalle di Milano

Era la Pigalle di Milano, il quartiere degli artisti e dei bordelli


Era la Pigalle di Milano, il quartiere degli artisti e dei bordelli.

I tre BORDELLI di Brera, quando era la Pigalle di Milano

bordello di brera
bordello di brera

Era il quartiere a luci rosse. Via Formentini era anche chiamata Contrada di Tett. Sì, per quel motivo. Attorno alla via c’erano infatti molte case chiuse, che tra l’altro erano riconoscibili perchè per la “Legge Crespi, i bordelli dovevano murare le finestre per impedire di rendere visibili atti osceni. 


Di bordelli a Brera ce n’erano tre che si distinguevano per il modo con cui le ragazze trattavano i clienti.

In uno le prostitute non potevano adescare in alcun modo e restavano ferme e in silenzio che venissero scelte.

In un altro invece erano le ragazze che prendevano l’iniziativa sfidandosi con ogni mezzo per conquistarsi i clienti.



Ma il bordello più chic era proprio dove una volta c’era il collegio delle fanciulle, in via Fiori Chiari 17.

Continua la lettura con: Il mondo di Brera 

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.