10 EMOZIONI FORTI da provare a Milano

La città che non ti fa dormire tranquillo

0
ph. Andrea Urbano (c)

A volte Milano sa essere più eccitante delle strade di Los Cabos.

10 EMOZIONI FORTI da provare a Milano

#1 Viaggiare di notte sulla 90/91

L’unica che va tutta la notte, 365 giorni all’anno, si ritrovano persone di tutte le nazionalità del mondo, se si è fortunati si incontrano anche gli assiro babilonesi.

#2 Perdere il biglietto della metro prima dell’uscita

Il tuo destino è nella mani dell’omino nel gabbiotto.

#3 Prendere l’onda verde nel traffico

In senso orario sulla circonvallazione interna, lungo corso Sempione o Buenos Aires, sentirsi in volo sulle strade di Milano. 

#4 Passeggiare in una via affollata con portafoglio in evidenza

O con borsetta. In alternativa in strade deserte, in periferia.

#5 Tuffarsi nel Naviglio

A gennaio con il Cimento. L’unico bagno in acque pubbliche che richiede il certificato medico.

#6 La Vertical Run

Quest’anno si corre alla Torre Izoaki. Vertigini d’altezza su vertigini da fatica.

#7 L’ultimo chilometro della Maratona di Milano

La prima volta arrivare al traguardo fa venire le lacrime agli occhi.

#8 Un Derby importante

Milan e Inter in notturna, in una sfida che vale uno scudetto o una finale di Champions. Che ricordi.

#9 La Milano del Fuorisalone

La vedi piena di energia come non mai.

#10 Una riunione di Milano città stato

L’adrenalina di essere protagonisti del futuro.

MILANO CITTA’ STATO

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteLA LINEA 1000: un servizio in elicottero per collegare Milano a mare, laghi e aeroporti
Articolo successivo“Anche i milanesi sono SIMPATICI!”