Perchè non esistono RISTORANTI di CUCINA MILANESE fuori Milano

Non è colpa della cucina

Credits: @chef__pier Risotto alla milanese

Delle volte i buongustai, nati alle pendici del Vesuvio o nelle pianure pugliesi, storcono il naso o ridimensionano la bontà della cucina tradizionale meneghina e lombarda sicuri che si possa mangiare bene solo al Sud o comunque da Bologna in giù. A conferma di questa convinzione sottolineano il fatto che nel mondo e nel resto d’Italia non esistano ristoranti tipici milanesi o lombardi.

Perchè non esistono RISTORANTI di CUCINA MILANESE fuori Milano

# Nessun ristorante milanese fuori Milano? Non è colpa della cucina

Credits: PH Il giornale del cibo

Ciò però, è facilmente spiegabile con il fatto che i milanesi non sono mai stati un popolo di migranti e quando lo hanno fatto non è stato certo per fare camerieri o cuochi in giro per il mondo. Inoltre Milano è decisamente più internazionale e aperta di altre realtà, pertanto si trovano ristoranti regionali ed etnici di tutto il mondo.


Stessa cosa si potrebbe ad esempio dire per la cucina francese, è famosissima nel mondo ma ristoranti francesi in giro se ne vedono pochi.

# I piatti lombardi? Elaborati, laboriosi e sostanziosi

Credits: @andre_toso
Casoela

Tra le altre ragioni che possono motivare una limitata diffusione della nostra cucina possiamo sicuramente sottolineare che i piatti più tipici sono siano laboriosi, un risotto fatto bene richiede tempo e cura e impegnativa dal punto di vista digestivo, tra tutti, c’è la Cassoela non certo adatta per uno spuntino veloce e leggero. La nostra cucina tradizionale è legata, come tutte le altre, ai prodotti tipici della zona (riso, formaggi, salumi, funghi, bresaola, polenta…) e dalle necessità nutrizionali delle persone, i climi piuttosto rigidi necessitano di cibi proteici e calorici.

A differenza di quanto si potrebbe pensare la cucina lombarda è molto varia grazie alla diversità del suo territorio e alle tanto dominazioni che si sono succedute. Tanto antica che uno dei suoi piatti ha probabili origini celtiche: ovvero il CUZ, pietanza a base di carne di agnello cucinata nel proprio grasso, tipica della Val Camonica.



# Un tipico menù milanese

Credits: @amilanopuoi
Trattoria milano

Un tipico menu milanese potrebbe essere così composto:

Antipasto : Insalata di nervetti/Mondeghili

Primo: in alternativa al Risotto allo zafferano…Zuppa DI Cipolle (piatto di origine medioevale) o Minestrone

Secondi: per non essere banali in alternativa alla cotoletta alla milanese, Cassouela o ossobuco

Contorno: ampia scelta di formaggi

Dolce: Torta meneghina

Il tutto accompagnato da un Buon vino dell’Oltrepo’ o della Valtellina. Le alternative potrebbero essere molteplici, a voi le proposte. Nel frattempo non possiamo che invitare romani pugliesi e napoletani a sedersi a tavola aggiungeremo volentieri una cadrega… una volta provata, la cucina lombardo milanese ti sorprende! Soprattutto se consumata durante una nevicata davanti al camino.

Continua la lettura con: Quello che non può mancare nel MENÙ del MILANESE DOC

ANDREA URBANO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Pnrr, arriva il Nucleo Stato-Regioni: la squadra dei “23” di Chigi per gli enti locali

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.