4 semplici ACCORGIMENTI per DIFENDERCI dal VIRUS

Tecniche semplici e naturali per prevenire le malattie rendendo più forte l'organismo e migliorando il benessere

Credits: sportsmall.it

Prevenire è meglio che curare? Molti concordano su questo. Ma anche se l’attenzione per la prevenzione è concentrata su mascherine, distanziamento o vaccini, ricordiamo qui anche metodi che mirano ad attivare la prevenzione proteggendo e rinforzando l’organismo e il suo sistema immunitario.

4 semplici ACCORGIMENTI per DIFENDERCI dal VIRUS

Il pericolo di una reazione eccessiva a un’infiammazione

Si pensa spesso che più le reazioni del nostro sistema immunitario siano forti contro virus e batteri e meglio sia. In realtà la faccenda non è così semplice. Lo sa bene chi soffre di malattie autoimmuni o anafilassi. L’infiammazione che è un processo difensivo normale attuato dal sistema immunitario può, se si protrae per un tempo prolungato o se fin da subito è troppo marcato, essere esso stesso causa di danno tissutale o d’organo. I medici che si occupano dei pazienti sintomatici per Covid-19 hanno potuto osservare che la malattia si sviluppa secondo tre fasi crescenti per gravità. La terza e ultima, la più preoccupante e fortunatamente più rara, con prognosi pessima anche in pazienti più giovani e senza malattie croniche pregresse, è dovuta proprio ad una iperinfiammazione che è alla base di sintomi importanti come trombosi dei piccoli vasi e lesioni polmonari gravi che possono portare anche a sostituzione del tessuto polmonare con quello cicatriziale attraverso il fenomeno della fibrosi causando un danno permanente. Per questo motivo è importante non focalizzarsi esclusivamente sull’azione del sistema immunitario ma sull’efficiente risposta dell’intero organismo agli attacchi esterni in un armonico e coordinato sistema.


Questi sono quattro semplici accorgimenti che possiamo adottare fin da subito per rafforzare il nostro organismo:

#1 Vitamina D

credits: terranuova.it

Uno studio tutto italiano condotto e coordinato dall’Università di Padova in collaborazione con  diversi atenei e con il CNR, pubblicato sulla rivista Nutrients, ha dimostrato che la somministrazione di colecalciferolo (vit. D nativa) a soggetti colpiti da Covid-19 diminuisce dell’80% il ricorso alla terapia intensiva. Non si conosce ancora in dettaglio la modalità d’azione su questi pazienti ma da studi precedenti si evince che la carenza di vit.D è associata non solo a una maggiore suscettibilità a diverse malattie ma anche a una loro manifestazione clinica più severa. Alcuni studi ad esempio hanno associato l’integrazione di vit. D a un controllo migliore dei sintomi asmatici.

#2 Attività all’aria aperta

Credits: sportsmall.it

È importante svolgere ogni giorno attività fisica all’aperto sia perché sostare per lunghi periodi in luoghi chiusi può facilitare la trasmissione virale e batterica sia perché l’esposizione alla luce solare ha un effetto benefico sull’organismo, anche per la produzione di vitamina D. Una regolare attività fisica all’aperto, basta anche solo una bella camminata di quaranta minuti al giorno di buon passo, rinforza il cuore e i muscoli senza affaticarli eccessivamente, migliora la capacità vitale polmonare (volume d’aria che può essere espirato dopo avere inspirato a fondo), che va ricordato, se non ci si allena diminuisce ogni anno a partire dai 25 anni circa, ed è un toccasana per il nostro sistema immunitario. Ovviamente l’attività fisica dovrà adattarsi al proprio livello di allenamento e al proprio stato di salute.



#3 Lavaggi nasali

credits: pmlaser.it

Conosciuti da secoli e praticati mediante la Lota in Ayurveda, non è raro che vengano consigliati anche in Occidente da otorinolaringoiatri e allergologi per pulire le cavità nasali e mantenere ottimale la loro funzione di filtro allontanando residui inquinanti e allergeni. Possono migliorare notevolmente i sintomi da raffreddamento e di riniti e ovviamente aiutare, anche se in modo non risolutivo, ad allontanare virus e batteri che provano ad infettarci passando proprio per il naso. Sono molto semplici da effettuare e sul web si trovano molte spiegazioni. Si utilizzeranno soluzioni saline o ipertoniche che si possono preparare anche a casa acquistando le bustine da sciogliere in acqua. Uniche accortezze sono quelle di non utilizzare mai acqua del rubinetto e in caso di patologie nasali particolari rivolgersi sempre prima al medico.

#4 Avere un cane (o un gatto)

Foto: Andrea Cherchi

I benefici della pet therapy, della vicinanza con gli animali sono ormai assodati a livello scientifico. Il migliore amico dell’uomo oltre a dare amore incondizionato al suo umano e rallegrargli le giornate, lo costringe a fare quotidiana attività fisica (la famosa passeggiata all’aria aperta tanto benefica!) ma pare, come emerso da diversi studi, aiutare a rafforzare l’organismo aumentando i livelli di ossitocina (l’ormone dell’amore) che fa diminuire pressione sanguigna e frequenza dei battiti, migliora le difese immunitarie e abbassa i livelli di stress e i sintomi depressivi. Va ricordato infine che cani e gatti, come insinuato da una brutta fake news, non sono in grado di infettare l’uomo con il  Covid-19. 

Continua la lettura con: Dobbiamo farcela da soli! Cosa mangiare per rinforzare le difese immunitarie

SILVIA FUSARI IMPERATORI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.