La macchina del TORNADO di Jesolo

"La Fabbrica della Scienza", mostra intrattenimento di Jesolo, ha recentemente aperto una nuova attrazione tecnologica. Andiamo a vedere cosa fa e come funziona.


E’ sufficiente chiudersi nella capsula, che somiglia a un’astronave pronta al decollo, e premere il tasto “On”. Sarà così possibile sperimentare dal vero l’ebbrezza di trovarsi nell’occhio di un tornado con venti che raggiungono i 130 km/h.

La macchina del TORNADO di Jesolo

# La Fabbrica della scienza


La Fabbrica della Scienza è una mostra intrattenimento allestita nel centro di Jesolo. Offre una varietà di attrattive molto interessante. Adatta a tutta la famiglia, la mostra ha l’obiettivo di aprire  le porte della conoscenza scientifica. Questo in modo intuitivo, attraverso il divertimento e grazie a decine di postazioni dedicate ai vari esperimenti di fisica e alle forze della natura.

Credits: lafabbricadellascienza.it

# La macchina del tornado

L’ultima nata tra queste attrattive è la macchina del tornado. E’ sufficiente chiudersi nella capsula, che somiglia a un’astronave pronta al decollo, e premere il tasto “On”. Sarà così possibile sperimentare dal vero l’ebbrezza di trovarsi nell’occhio di un tornado con venti che raggiungono i 130 km/h (tornadi a forza F1 secondo la scala Fujita).

Nella cabina cilindrica di vetro c’è posto per adulti e bambini, fino a 4 persone. Al termine della simulazione l’impianto viene sanificato da tutti i microorganismi emessi col respiro dai visitatori.



Credits: @lafabbricadellascienza.it – Monica Montellato ha fatto conoscere a livello nazionale l’offerta culturale e scientifica del museo jesolano

«Abbiamo dedicato questa installazione alle famiglie – commenta la titolare Monica Montellato – infatti la macchina permette di vivere un’esperienza collettiva di intrattenimento e comprensione del fenomeno naturale nella massima sicurezza. La capsula in vetro antisfondamento poi è perfetta per scattare foto dall’esterno evitando la sensazione di chiusura in luogo angusto».

# Le altre novità

Non è l’ultima novità in termini di attrazioni installate a “La Fabbrica della Scienza”. Infatti la mostra, già famosa per la Sala del Terremoto e ora la Macchina del Tornado, ha allestito anche la Stanza del Vulcano con ambientazione ispirata a Pompei.

Credits: @lafabbricadellascienza.it
Credits: @lafabbricadellascienza.it
Credits: @lafabbricadellascienza.it

La mostra si trova in centro a Jesolo e dal sito ufficiale si possono scoprire orari, prezzi dei biglietti, novità e si può prenotare comodamente dal pc o dallo smartphone la propria visita. Info: lafabbricadellascienza.it

Continua la lettura con: Inaugura il “MUSEO-NARRANTE” del DESIGN: sarà una nuova attrazione di Milano? Che cosa lo rende così unico

LUCIO BARDELLE

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Cartelle esattoriali, notifiche e pignoramenti al via dal primo settembre

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI 10 PALAZZI più BELLI di Milano
Articolo successivoLo SPETTACOLO dei FUOCHI FATUI a Milano: COSA sono e DOVE si possono vedere
Lucio Bardelle
Nasco a Dolo (VE) nel 1979. Padre padovano, mamma vicentina, cresco nella terraferma veneziana. Studio Economia a Venezia, poi viaggio, per lavoro e per piacere. Vivo 7 anni in Lombardia, poi torno a Venezia. Sono appassionato di musica rock, suono la chitarra e il basso. Spesso corro. Scrivo per una associazione locale a sostegno del cittadino (Oltre il muro), creata da Pietro, uno dei miei migliori amici, infortunatosi 15 anni fa durante una partita di calcio.