L’ultima IDEA berlinese: party con DJ set sulla METRO (video)

Un nuovo modo per rendere i viaggi in metropolitana più divertenti


Da alcuni giorni sta circolando un filmato che riprende un vagone della metropolitana di Berlino. Di per sé nulla di particolare non fosse per il fatto che le persone ballano grazie alla musica di un DJ set improvvisato.

L’ultima IDEA berlinese: party con DJ set sulla METRO (video)

# Sulla metro a ritmo di musica

credits: @berlino magazine

Probabilmente è una sorta di flash mob, dato che alcuni hanno una bottiglia di birra in mano e non rendiamo a viaggiatori che casualmente viaggino con della birra allo zaino, tutti, tranne un ragazzo, indossano diligentemente la mascherina e tutti sembrano piacevolmente coinvolti dalle note prodotte dall’impianto del DJ. Perché parlarne?


Rendere piacevole lo spostamento sui mezzi pubblici crediamo sia una cosa utile oltre che incentivante per chi ancora tentenna tra l’utilizzo di un mezzo privato o in sharing e chi, per scelta o per necessità. Abbiamo già assistito ad altri meravigliosi flash mob ma pensare a qualcosa di più strutturato sarebbe, oltre che incentivante, anche istruttivo.

# Cambiamo la cultura dei trasporti

Credit: metronews.it

Pensiamo alla musica classica e alla musica in tutte le sue declinazioni, pensiamo alla lettura di brani o poesie, pensiamo anche alla divulgazione scientifica. Un modo gioioso e costruttivo per accompagnare le persone, che sono tante, che viaggiano sui mezzi pubblici. Se è la cultura della gente che deve cambiare nel modo di spostarsi perché. allo stesso tempo, non può cambiare la cultura di chi organizza i trasporti?

Arrivare addirittura a creare delle onde di genere culturale dove un usufruitore dei trasporti pubblici possa scegliere in base al genere musicale trattato, alla forma d’arte espressa. Il cambiamento deve essere reciproco e forse questa potrebbe essere una strada da percorrere.



FONTE: Berlino Magazine

Continua a leggere con: 🛑 Underground Art: la METRO 5 diventa una MOSTRA d’ARTE CONTEMPORANEA

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Via della Seta Italia-Cina, che fine ha fatto? Ecco chi nei partiti guarda a Pechino (ma la Cina è più lontana)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa “SPIAGGIA più BELLA d’Europa” si trova in Italia
Articolo successivoLa CASCATA del CENGHEN: uno SPETTACOLO unico a un’ora da Milano
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.