🛑 Un sogno breve ma intenso: NO al PONTE SERRA di Porta Nuova

Ecco cosa rimarrà del disegno iniziale e cosa verrà eliminato

Credits: Coima - Ponte a scavalco su Melchiorre Gioia con Green House

I nuovi criteri per la riqualificazione di edifici abbandonati, che premiano gli interventi in periferia, costringono a rivedere il progetto di trasformazione urbanistica tra via Pirelli e via Melchiorre Gioia. Ecco cosa rimarrà del disegno iniziale e cosa verrà eliminato.

Un sogno breve ma intenso: NO al PONTE SERRA di Porta Nuova

# I nuovi criteri per la riqualificazione degli edifici abbandonati portano al ridimensionamento del progetto di via Pirelli 39

Credits: Coima

Lo scorso anno era scoppiata una polemica tra il Comune di Milano e la Regione Lombardia a causa di una legge regionale, bocciata dalla Consulta, che prevedeva in caso di recupero immobiliare un incremento volumetrico del 25% se il palazzo oggetto di riqualificazione risultava abbandonato da più di 5 anni. Una norma che limitava i poteri dei singoli comuni senza tenere conto delle peculiarità dello specifico territorio. La successiva modifica della legge ha introdotto un range di incremento volumetrico compreso tra il 10% e il 25%.


La giunta milanese, nella seduta del 6 dicembre, si è riunita proprio per stabilire i criteri con cui integrare la legge regionale sulla riqualificazione dei palazzi abbandonati, indicando come massimo indice volumetrico aggiuntivo il 10% ma solo per gli immobili localizzati nelle aree periferiche della città e quindi oltre la circonvallazione. Pertanto il progetto di via Pirelli 39, con la Torre Botanica e il Pirellino, verrebbe escluso da questi benefici in quanto Porta Nuova è un’area centrale. 

Errata corrige: il progetto di via Pirelli 39 è incluso tra quelli che potranno beneficiare dell’incremento di volumi ma, come per tutti gli immobili soggetti a riqualificazione, rispetto alle condizioni iniziali la percentuale aggiuntiva scende dal 25% al 10%.

Leggi anche: La TORRE BOTANICA: il nuovo grattacielo che cambia COLORE in ogni stagione



# Come si sarebbe dovuta trasformare l’area compresa tra via Pirelli e via Melchiorre Gioia

Credits: Coima

Il progetto di ridisegno complessivo dell’area tra via Pirelli 39 e via Melchiorre Gioia, assegnato al pool di studi di architettura composto da Stefano Boeri Architetti, Diller Scofidio + Renfro, avrebbe previsto: un nuovo grattacielo residenziale di Porta Nuova, ribattezzato la “Torre Botanica”, ricoperto di 1.700 metri quadrati di vegetazione distribuiti su più piani, la riqualificazione dell’ex-edificio degli uffici comunali al civico 39 di via Pirelli con un rivestito di vetrate e una terrazza panoramica all’ultimo piano, infine la trasformazione del ponte a scavalco su via Melchiorre Gioia in un nuovo hub a servizio della città e una serra delle biodiversità.

# Coima sarà costretta a eliminare proprio la parte pubblica del progetto

Credits Urbanfile – Serra in Porta Nuova

Tra le parti del progetto ad essere sacrificate ci sarà proprio la serra della biodiversità e tutto l’hub di servizi a corredo, mentre rimarrà a realizzazione della Torre Botanica e la rigenerazione del “Pirellino”. Come già annunciato dal CEO di Coima Manfredi Catella al momento della polemica tra Regione e Comune, la necessaria rivisitazione al ribasso del progetto, e la conseguente riduzione degli investimenti programmati a causa del taglio alle volumetrie, porterà all’eliminazione o a un forte ridimensionamento della parte pubblica. Con molta probabilità l’elemento più scenografico di tutta la riqualificazione non vedrà mai la luce.

Leggi anche: BRACCIO DI FERRO sulla TORRE BOTANICA: che succederà?

Fonte: Urbanfile

Continua la lettura con: Cantieri e nuove costruzioni: i 5 WORK in PROGRESS più INTERESSANTI tra quelli meno noti a Milano

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Tanti auguri al Tar, 50 anni di sentenze: dal 6 in condotta alla minigonna in Questura

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. L’edificio a ponte del Pirellino è sempre stata la parte più debole e oggettivamente meno riuscita del progetto. L’intradosso è inguardabile. Ora che la proposta della serra sembra tramontare, spero che lo abbattano, ma ci credo poco, perchè in Italia la demolizione è considerata un’azione blasfema.

Comments are closed.