🛑 Studio tedesco: In Germania tra i 5 e gli 11 ANNI per Covid (senza altre patologie) si sono registrati ZERO MORTI

Nuovo studio di università di Monaco, Friburgo, Dresda e Heidelberg: il rischio di morte negli under 17 a causa del Covid-19 è quasi nullo, tra i 5 e gli 11 anni è inesistente in assenza di comorbidità

Rischio di morte causa Covid-19 ogni 10.000 persone

Pubblicato un nuovo studio che ha coinvolto i dipartimenti di medicina pediatrica e delle malattie infettive delle università di Monaco, Friburgo, Dresda e Heidelberg. Il rischio di morte negli under 17 a causa del Covid-19 è quasi nullo, tra i 5 e gli 11 anni è inesistente in assenza di comorbidità. I risultati nel dettaglio.

STUDIO TEDESCO: In Germania tra i 5 e gli 11 ANNI per Covid (senza altre patologie) si sono registrati ZERO MORTI

# Lo studio sul rischio di ricovero e morte per Covid-19 nei bambini

credits: sanitainformazione.it

Rischio di ospedalizzazione, malattia grave e mortalità a causa della COVID-19 e sindrome multisistemica infiammatoria nei bambini con infezione da SARS-CoV-2 in Germania” è il titolo di uno studio tedesco appena pubblicato su “MedRxiv” che ha coinvolto i dipartimenti di medicina pediatrica e delle malattie infettive delle università di Monaco, Friburgo, Dresda e Heidelberg.


Al fine di fornire stime attendibili sui ricoveri dei bambini, sui ricoveri in terapia intensiva e sui decessi per COVID-19 e PIMS-TS sono stati combinati i dati provenienti da tre fonti: uno studio nazionale sulla sieroprevalenza (lo studio SARS-CoV-2 KIDS), il sistema di notifica legale tedesco e un registro nazionale su bambini e adolescenti ricoverati con SARS-CoV-2 o sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica (PIMS-TS).

Vediamo i principali risultati emersi. 

# Nella fascia 5-11 anni in Germania si sono registrati zero morti in assenza di comorbidità

Rischio di morte causa Covid-19 ogni 10.000 persone

Il risultati dello studio hanno evidenziato un tasso complessivo di ospedalizzazione associato all’infezione da SARS-CoV-2 di 35,9 ogni 10.000 bambini, un tasso di ricovero in terapia intensiva di 1,7 e di mortalità di 0,09 sempre ogni 10.000 casi.



Nei bambini senza comorbidità, ossia senza altre patologie, è stato riscontrato che ci sono probabilità “significativamente inferiori” di soffrire di un decorso grave o fatale. Il rischio più basso è stato osservato nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni senza comorbidità. In questo gruppo, il tasso di ricovero in terapia intensiva era di 0,2 per 10.000 e non è stato possibile calcolare la mortalità per caso, a causa dell’assenza di casi.

Fonte: Medrxiv

Continua la lettura con: Giorlandino: Italia ora MENO COLPITA grazie all’ALTO NUMERO di GUARITI

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Altro che vino… L’olio di qualità sarà il nuovo Barolo?

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa parola del giorno tradotta in milanese: LOCKDOWN
Articolo successivo10 GRANDIOSI progetti di costruzioni MAI REALIZZATI
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.