🛑 Una RIVOLUZIONE sui banchi: studenti milanesi in rivolta per tornare a SCUOLA

Gli studenti di sette licei di Milano chiedono la riapertura delle scuole con un gesto pacifico e significativo

Credits: milano.repubblica.it

Sui banchi di scuola per protestare contro la didattica a distanza. Gli studenti di sette licei di Milano chiedono la riapertura delle scuole con un gesto pacifico e significativo. 

Una RIVOLUZIONE sui banchi: studenti milanesi in rivolta per tornare a SCUOLA

# La protesta contro la didattica a distanza

Credits: milano.repubblica.it

Rivoluzione davanti alle scuole richiedendo una pronta riapertura per l’anno nuovo. Questa è la richiesta degli studenti dello scientifico Volta, del Virgilio, del classico Berchet e Parini, dell’istituto Einstein e di quelli di Torricelli e Allende Custodi. Armati di banchi “concessi” dagli istituti o da sedie recuperate autonomamente, gli studenti di alcune scuole milanesi sono scesi in piazza per protestare contro la didattica a distanza. 


# Gli studenti del Volta alle prese con la didattica a distanza ma… in presenza

Credits: milanotoday.it

Fuori dall’istituto Volta, gli studenti presenti con i propri banchi, seguono le proprie lezioni in didattica a distanza. La richiesta è quella della riapertura per il 7 gennaio, come annunciato dal Premier Conte e per questo si chiede che tale promessa venga mantenuta. Con la maggiore libertà di determinati settori a seguito di precedenti misure restrittive, il ramo scolastico è stato uno dei pochi ad essere più penalizzato nella riapertura.

# Il No Dad Day nel pieno rispetto delle norme di sicurezza

Credits: miitomorrow.it

Il No Dad Day fuori dall’istituto Virgilio ha avuto il fine di riunirsi in assemblea per parlare dei problemi della didattica a distanza e, una volta finito, seguire le lezioni su tematiche di genere, ambientalismo e sport popolare. A testimoniarlo è Valeria, 17 anni e studentessa del Virgilio e afferma che “Il tutto è fatto nel rispetto delle norme sicurezza”. Una volta annotato i nomi dei presenti si procede alla misurazione della temperatura. 

# La docente affianca i propri studenti. Confidiamo nella riapertura

Credits: mitomorrow.it

Sul fatto che la didattica a distanza non è scuola è d’accordo anche Marzia Calabrese, docente di lettere che, nel suo giorno libero, ha deciso di affiancare i propri studenti nella richiesta di pronta riapertura. “Loro sono fortunati, perché sentono il bisogno di riunirsi e si organizzano, ma molti ragazzi questo bisogno non lo sentono più, si sono lasciati andare. È questo il danno maggiore provocato dalla pandemia sulla scuola, al di là dell’aspetto didattico” afferma la docente. Cosa succederà con l’anno nuovo? Non ci resta altro che aspettare e confidare nella riapertura, terza ondata permettendo. 



Fonte: LaRepubblica

Continua la lettura con Piano SCUOLA anti COVID in Lombardia: cosa fare con SINTOMI sospetti

MARCO ABATE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore