🛑 MORATTI: “Speranza sospenda immediatamente l’ordinanza!”. Un CAMBIO di ROTTA con ROMA?

Il Presidente Attilio Fontana: "Lunedì faremo ricorso al TAR". La Vice Presidente Letizia Moratti: "Il ministro Speranza sospenda immediatamente l'ordinanza!"

credit: https://www.lasicilia.it/

Lombardia in zona rossa malgrado indici migliori della media nazionale. Non si è fatta attendere la reazione dei vertici della Regione. Il Presidente Attilio Fontana: “Lunedì faremo ricorso al TAR”. La Vice Presidente Letizia Moratti: “Il ministro Speranza sospenda immediatamente l’ordinanza!”. Due reazioni che mostrano una differenza abissale. E’ il preludio a un cambio di rotta? Anche in base a come reagirà Speranza si capirà chi comanda e se sono cambiati i rapporti di forza tra Lombardia e Roma. 

🛑 MORATTI: “Speranza sospenda immediatamente l’ordinanza!”. Un CAMBIO di ROTTA con ROMA?

La Regione Lombardia, nella persona del suo Governatore, Attilio Fontana, farà “ricorso al TAR” lunedì contro l’ordinanza che ha collocato la Regione in zona rossa.


Al momento, ben tredici Regioni hanno un maggior numero di contagiati ogni centomila abitanti rispetto alla Lombardia, mentre la nostra Regione è prima in Italia per numero di tamponi e vaccini. Non solo: rispetto a quando la Lombardia è ritornata in zona gialla, il 13 dicembre, i ricoveri in terapia intensiva sono passati da 714 persone a 454 e i morti risultano la metà: 78 rispetto ai 144 del 13 dicembre. 
Come dichiarato dallo stesso Governatore Fontana, “i dati giornalieri confermano una situazione ben lontana dalla necessità di una zona rossa per la Lombardia”.

A queste parole ha fatto eco Letizia Moratti da poco nominata Vicepresidente ed Assessore al Welfare per la Lombardia, la quale, invitando il ministro Speranza a sospendere con effetto immediato l’ordinanza in virtù della quale la nostra Regione verrebbe collocata in zona rossa, ha dichiarato che “l’incertezza dei dati non aggiornati alla base della decisione non legittima un provvedimento restrittivo di questo tipo“.

Ferma restando la lucida analisi della situazione appena riassunta, sarà interessante anche vedere se, a seguito del rimpasto, i nuovi assetti di potere in Regione saranno anche in grado di cambiare i rapporti di forza con Roma.



Continua la lettura con: Lombardia verso la zona rossa

ANTONIO BUONOCORE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


2 COMMENTI

  1. La decisione di mettere la Lombardia in fascia rossa, per me, é dolosamente voluta…… é un’azione volta a creare scontento verso il presidente Fontana e anche verso la parte politica che lui rappresenta….. questo fa solo capire a quali livelli di meschinità una parte della nostra politica fa ricorso

  2. Temo che la decisione di mettere la Lombardia in fascia rossa sia dovuta soprattutto alla necessità di contenere la questione studentesca per la DAD.: ci sono delle priorità nella vita e sarebbe opportuno che i genitori lo facessero capire ai figli. Per quanto riguarda invece, il tono della vicepresidente Moratti temo non sia quello giusto: prima di assumere atteggiamenti rigorosi occorre approfondire certe decisioni e dialogare.

Comments are closed.