Un giorno nella Repubblica del Design

La Repubblica del Design
La Repubblica del Design

Diario di bordo del 5 settembre 2019. Destinazione: Milano città stato.

Oggi il centro di Milano città stato si è spostato in Bovisa. Più precisamente alla Repubblica del Design. Ma procediamo con ordine.


Avanza la preparazione del district tour: oggi abbiamo avviato la call to action per il municipio 5 e il municipio 6. Martedì 10 abbiamo in programma un primo incontro con chi si è proposto di aiutarci.

Il sito sta registrando i risultati migliori da prima dell’estate. Non tanto per i nuovi articoli, ma soprattutto per un traino della breaking news sul governo di ieri e soprattutto, per questo articolo dello scorso luglio che crediamo qualche testata importante abbia rilanciato: PRECOTTO: il prete sanguinoso che ha dato il nome a un quartiere.

Abbiamo pubblicato nel pomeriggio anche i risultati di #photostar, il contest fotografico realizzato sulla pagina Instagram di Milano città stato. Ha vinto questa foto di Simona Granata, I TETTI DI MILANO. Prossimamente la incontreremo per premiarla e per videointervistarla.



Foto di Simona Granata (@monagra89)
Foto di Simona Granata (@monagra89):

Qui l’articolo con le dieci foto che hanno ricevuto più voti. 

Prima di pranzo abbiamo incontrato una importante organizzazione della cultura liberale con cui si è ipotizzato di realizzare un evento il prossimo ottobre. Vi terremo aggiornati.

Nel tardo pomeriggio, sfidando una specie di tromba d’aria australe, siamo andati in Bovisa per incontrare i responsabili della Repubblica del Design, un’iniziativa straordinaria che mira a fare diventare il quartiere un Fuorisalone permanente. Lavorano in uno spazio incredibile, dal sound molto berlinese, uno degli spazi più grandi riservati ai makers di Milano. Ci hanno rivelato che insieme al Comune e al Municipio stanno per lanciare un progetto che riguarda le sedute di cortesia che ci sembra meraviglioso. La Bovisa è un luogo in cui si respira un incredibile fermento. Pochi sanno, tra l’altro, che alla Bovisa nei pressi del Polihub ci sia uno dei più grandi incubatori di aziende in Europa, realizzato insieme al governo cinese che ospita circa 5.000 start up.

Con la Repubblica del Design si è anche parlato di Milano città stato. Abbiamo illustrato l’idea base che è quella di dare a Milano l’autonomia necessaria per poter svolgere un’attività costituente di sperimentazione e di innovazione da estendere, in caso di successo, al resto del Paese. Anche se capiamo che vi possano essere resistenze abbiamo sfidato anche loro a dirci quello che ancora nessuno è riuscito ad argomentarci: un solo motivo per cui rendere autonoma Milano potrebbe produrre un effetto negativo Milano o per l’Italia. Lo chiediamo anche voi: ci spiegate perchè consentire a Milano di essere autonoma come una regione potrebbe arrecare danni alla città o al Paese?

Noi vediamo solo benefici e non da poco: Milano con un’autonomia simile a Berlino, Barcellona o Amburgo potrebbe diventare il luogo più attrattivo d’Europa e, soprattutto, potrebbe rinnovare il nostro Paese sperimentando riforme sul suo territorio. Non abbiamo dubbi su questo e cercheremo di fare capire contenuti ed effetti dell’iniziativa quartiere per quartiere.

MILANO CITTA’ STATO

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul#Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)