MONOPATTINI a Milano: cosa possono fare, dove possono andare, la guida definitiva

Una breve guida sulla micromobilità in città

Credits: moto.it - Monopattini in Duomo

Era l’8 aprile 2019 quando è stato annunciato il decreto attuativo per avviare la sperimentazione sulla micromobilità elettrica, condiviso con gli enti locali e le altre amministrazioni coinvolte e elaborato accogliendo anche le richieste arrivate da parte dell’Anci. Ancora oggi permane l’incertezza.

I punti fermi della normativa

Come stabilito dal decreto e dalla successiva Legge di Bilancio:

#1 Saranno i sindaci a delimitare le aree in cui procedere con la sperimentazione e disciplinare l’uso di questa tipologia di mezzi.

#2 La categoria di mezzi inseriti nel decreto comprende: monopattini elettrici, Segway, Hoverboard e Monowheel che potranno circolare liberamente su aree pedonali, piste ciclabili e su corsie riservate, a patto che non superino il limite di velocità di 30 Km/h,

#3 La circolazione su strada è limitata solo a determinate aree e solamente in ambito urbano.

#4 I mezzi dovranno integrati alcuni dispositivi obbligatori, per la sicurezza stradale, quali segnalatori acustici, motore elettrico che non superi la potenza nominale massima di 500 watt e sistemi di illuminazione, le luci devono entrare in funzione da mezz’ora dopo il tramonto, durante la notte e di giorno quando le condizioni atmosferiche non assicurano un’adeguata visibilità.

#5 Se si circola su strada o su corsie dedicate, è obbligatorio l’utilizzo di giubbotto o bretelle catarifrangenti di notte, per monopattini elettrici e segway.

#6 I monopattini e i segway con manubrio che rientrano nei limiti di potenza 0,5 KW e velocità massima 20 km/h sono equiparati ai velocipedi (norma a rischio nelle prossime modifiche alla legge)

#7 I conducenti dovranno essere necessariamente maggiorenni

#8 Non è possibile trasportare passeggeri né trainare merci o traini

I Monopattini a Milano: le decisioni del Comune

Milano è stata la prima città italiana ad attivare il servizio in modo sperimentale a luglio 2019 e successivamente anche la prima a sospenderlo in seguito ad un incidente e all’incertezza normativa.

Il Comune ha deciso di affidare a un bando la scelta degli operatori che offriranno la micromobilità in sharing, imponendo però:

  • un tetto masssimo di 2.250 mezzi in circolazione, escludendo quelli detenuti dai cittadini che gli hanno acquistato.
  • transito solo nelle aree pedonali (con velocità limitata a 6 km/h), nelle piste ciclabili, e nelle Zone 30 (purché non ci siano pavé o binari del tram).
  • divieto di salire sui marciapiedi o uscire dalle aree stabilite per la sperimentazione
Segnaletica monopattini

Sono stati installati da qualche mese le nuove segnaletiche verticali che riportano l’immagine del monopattino affiancato alla bicicletta e alcuni operatori hanno fatto ripartire il servizio, mentre i partecipanti sconfitti nel bando stanno attendendo l’esito dei ricorsi.

FABIO MARCOMIN

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi