“Milano, la città dei canali perduti”: la BBC celebra i Navigli

"Si spera che presto Milano abbia di nuovo il suo fiume"

Credits: Andrea Cherchi (C)

La BBC, il più grande e autorevole editore radiotelevisivo del Regno Unito, parla della bellezza di Milano. In particolare, nell’articolo Milan: Italy’s lost city of canals Joey Tyson racconta la storia dei Navigli, ricorda la loro vivacità e mette in evidenza il progetto per la loro riapertura.

“Milano, la città dei canali perduti”: la BBC celebra i Navigli

Pubblichiamo estratti della traduzione dell’articolo “Milan: Italy’s lost city of canals” (BBC)


# Un luogo ricco di bellezza e di vivacità

Credits: blog.thefork.com

“Poco prima del secondo blocco dell’Italia nel novembre 2020, le rive del Canal Grande di Milano erano occupate dalle persone. I cacciatori di occasioni si facevano strada tra le bancarelle del mercato, curiosando tra telefoni retrò, mobili art déco e vestiti vintage. Altri si sedevano nei bar, sorseggiando aperitivi o caffè. L’acqua limpida del canale rifletteva l’abbagliante sole autunnale“.

Questa è la scena familiare che Joey Tyson ha voluto ricordare, dedicando un intero articolo al quartiere milanese dei Navigli che, per un motivo o per l’altro, riesce a rimanere impresso nella mente dei viaggiatori.

# Milano non ha un fiume quindi ha “dovuto crearne uno per sé, per accrescere la sua ricchezza e la sua influenza”

Credits: @alfonsoparty IG

“Situato nell’angolo sud-ovest della città, il quartiere dei Navigli rimane uno degli ultimi veri collegamenti che i milanesi hanno con l’acqua. Lo stesso Canal Grande (Naviglio Grande) risale al 1177, rendendolo uno dei canali navigabili più antico d’Europa. Oggi è pieno di bar, caffè, ristoranti, gallerie d’arte e boutique: un vivace punto d’incontro o un luogo per una dolce passeggiata sull’acqua”.



“Eppure, questo piccolo angolo della città ha una storia molto più grande. Sebbene non molto conosciuto, un tempo il centro di Milano era tracciato di corsi d’acqua, non dissimili da quelli di Venezia o di Amsterdam”.

Eh sì, tutte le grandi città sono accompagnate da un fiume. “Londra ha il Tamigi. Parigi, la Senna. Berlino è stata costruita intorno alle rive della Sprea. Eppure Milano, una delle città più ricche d’Europa, non ne ha. Quindi, la città ha dovuto crearne uno per sé per accrescere la ricchezza e l’influenza di una grande città che non ha uno sbocco sul mare”.

“La maggior parte delle ultime tracce di questa rete sono visibili nei Navigli, e nella parte nord della città, presso il canale Martesana. Il resto cadde vittima della modernizzazione durante la metà del XX secolo: mentre automobili e treni sostituivano le barche come mezzi di trasporto più veloci, l’Inner Ring di Milano fu sepolto sotto il cemento“.

# Nel 2013 la Darsena era “una palude invasa dalla vegetazione”, ma ora è “una fiorente laguna urbana”

“Quando ho visitato Milano per la prima volta nel 2013, sono rimasto subito colpito dai Navigli. Allora, ricordo di essere stato affascinato dallo stile di vita lento in riva al mare, lontano dal frenetico centro della città. I Navigli sembravano un tipo diverso di città vecchia. È stato solo quando sono tornato l’anno scorso, questa volta per vivere, che ho capito l’importanza dei canali e ho visto il crescente movimento per riaprire il resto di questi canali storici. C’era una nuova energia intorno ai Navigli, e scorreva dalla Darsena”.

“La Darsena si trova nel punto di incontro di due degli ultimi canali di Milano, il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese. Un tempo uno dei porti più trafficati d’Italia fino a quando non fu dismesso durante la rapida urbanizzazione degli anni ’60, durante la mia prima visita questa zona del porto non era altro che una palude invasa dalla vegetazione. È rimasto in gran parte inutilizzato fino al 2015, quando è stato completamente rinnovato per l’Expo di Milano. Ora, al posto del cemento nudo e delle erbacce ricoperte di vegetazione, una fiorente laguna urbana, circondata da caffè, bar, attività commerciali locali e un mercato coperto, riempie il suo spazio precedentemente non amato. In un primo momento, tuttavia, i milanesi erano scettici sulla riapertura del molo“.

Ma “anche il turismo nautico è fiorito dall’apertura della Darsena, con i passeggeri che, dal 2015, raddoppiano ogni anno. Dalla primavera fino alla fine dell’estate, le chiatte traghettano i turisti su e giù per il Canal Grande, attraccando nella Darsena, dove si soffermano per un Aperol o negroni sull’acqua”.

# Il progetto ambizioso del tunnel sotterraneo: “un grande progetto di riqualificazione della città”

Credits: @paskq IG

L’articolo della BBC parla anche dei progetti per la realizzazione di un tunnel sotterraneo che consenta il passaggio dell’acqua attraverso il centro della città. Un progetto che si spera possa essere completato entro il 2026, quando Milano ospiterà le Olimpiadi.

“Oggi la Darsena costituisce un polmone vitale in una città famigerata per il suo inquinamento. Ogni giorno, le persone passeggiano lungo le sue rive o si siedono con un cocktail da asporto dai bar vicini – uno spettacolo sempre più comune durante la pandemia. I canoisti scivolano sulle sue acque cristalline, i pescatori insegnano ai nipoti la paziente arte della pesca con l’amo, i corridori tracciano anelli intorno al lungomare. Il suo successo e la continua popolarità molto tempo dopo l’Expo hanno portato a un progetto incredibilmente ambizioso per riaprire completamente l’Inner Ring di Milano“.

Nell’articolo si legge che, per Federico Bianchino, una guida turistica e membro di “Riaprire i Navigli”, la riapertura deve essere vista “come un grande progetto di riqualificazione della città. Aiuterà i milanesi a vivere molto meglio. Niente inquinamento, niente smog, niente traffico”. Un progetto, quindi, che non solo migliorerà le infrastrutture della città, ma anche la vita dei suoi abitanti.

“Si stima che la riapertura dell’anello interno costerà 500 milioni di euro, che devono ancora essere raccolti. C’è la speranza, tuttavia, che nonostante l’impatto economico del coronavirus sull’Italia, la crisi possa effettivamente dare il via al processo”. 

Proprio durante la pandemia, “la Darsena e il Naviglio Grande furono temporaneamente sgombrati da caffè e bar. In loro assenza, i percorsi dei canali divennero parchi urbani, luoghi per camminare, correre, andare in bicicletta e sfuggire ai confini di casa. Per questi motivi, è stata presentata una proposta per l’utilizzo di alcuni dei fondi europei per il recupero dalla crisi anche per il progetto”.

# “Si spera che presto Milano abbia di nuovo il suo fiume”

Credits: @eventiatmilano IG

“Quando il crepuscolo calava sulla città e le ultime bancarelle impacchettavano le loro merci, uscii dal mercato dell’antiquariato e girai per la Darsena. I pescatori erano ancora lì, pazientemente desiderosi che il pesce abboccasse. Un kayaker solitario si fece strada attraverso l’arco di pietra che conduce al Canal Grande. Le rive erano punteggiate di persone, alcune sedute insieme, altre sole a godersi l’aria fresca della notte. La maggior parte delle sere, la scena è la stessa: persone che convergono qui per un motivo o per l’altro, attratte dall’acqua calma e immobile. Si spera che presto, Milano possa godersi nuovamente qualcosa di simile, e che la città abbia di nuovo il suo fiume”.

Fonte:“Milan: Italy’s lost city of canals” (BBC)

Continua la lettura con: Recovery Milano #6. IL GRANDE SOGNO DEI NAVIGLI: il progetto originario con tunnel e parcheggi sotterranei

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.