Fuga da Milano? I 5 PAESI dell’HINTERLAND dove aumentano di più gli ABITANTI

Dopo una lunga rincorsa, Milano è tornata sotto gli 1,4 milioni di abitanti, registrando un forte calo negli ultimi mesi. Ma dove stanno fuggendo i milanesi? Soprattutto in questi posti


Una notizia che non ci piace. Dopo una lunga rincorsa, Milano è tornata sotto gli 1,4 milioni di abitanti, registrando un forte calo negli ultimi mesi. Le cause sono da ricercare nella pandemia ma non solo. Quello che è certo è che i dati, a fronte del calo di Milano, parlano di comuni dell’hinterland che stanno rilevando un incremento demografico: oltre alle nuove nascite sono molti i milanesi che hanno deciso di spostarsi dalla città. Analizzando i trend degli ultimi anni abbiamo cercato quali sono i comuni dei dintorni di Milano che stanno attirando più milanesi e non. Queste sono le 5 regine dell’hinterland. 

Fuga da Milano? I 5 PAESI dell’HINTERLAND dove aumentano di più gli ABITANTI

#5 Parabiago

credits: wikipedia

Si trova a 20 chilometri a nord ovest di Milano ed è attraversato dal fiume Olona. A Parabiago è affidato il titolo di “Città della calzatura”, poiché è proprio sul suo territorio che sono nate molte industrie calzaturiere, ed è anche teatro della famosa battaglia fra Lodrisio Visconti e il nipote Azzone, il quale vinse appunto la Battaglia di Parabiago, il 21 febbraio 1339. È un comune dove lo sport è importante e qui troviamo squadre di rugby, pallavolo, calcio, atletica leggere e ginnastica ritmica.


Negli ultimi due anni, la popolazione è cresciuta di oltre l’1,1%, puntando ora verso quota 30.000 abitanti. Le cause possono essere molteplici: la posizione del comune sicuramente influisce sulla scelta di vivere qui, come la numerosità dei giardini pubblici, le strutture sportive, i musei e il teatro.

Il costo medio di una casa qui è di 1.587 €/m², ma anche l’affitto è conveniente (8,80 €/m²): si trovano ancora bilocali sotto i 500 euro. 



#4 Melegnano

credits: wikipedia

Spostiamoci a sud-est di Milano, in questo paese noto soprattutto per la barriera autostradale. Attraversato dal fiume Lambro, qui troviamo la Basilica della Natività di San Giovanni Battista e il Castello trecentesco.

Negli ultimi due anni gli abitanti sono cresciuti di oltre l’1,2%, superando i 18mila. Complice dell’aumento demografico è sicuramente l’eccellente posizione: si trova a soli 10 chilometri da Milano, vicina all’imbocco delle tangenziali e il casello autostradale che permette di essere in pochi minuti sulla A1.

Il costo medio delle case qui è di 1.913 €/m², mentre per l’affitto è di 10,00 €/m²: per un bilocale si può spendere poco più di 500 euro. 

#3 Paderno Dugnano

Passiamo a nord, nel margine meridionale della Brianza, lungo il fiume Seveso. Anche qui l’incremento negli ultimi anni è stato consistente: in appena due anni supera l’1,3% e ormai ha messo nel mirino quota 50.000. Il comune è conosciuto per Villa Calderara e Villa Maga, costruite tra ‘600 e ‘700, e per le aree verdi come il parco Grugnotorto Villoresi.

Il prezzo medio per le case è in linea con Melegnano: 1.921 €/m² per l’acquisto e 10,00 €/m² per l’affitto, anche qui si trovano bilocali a 500 euro o poco di più. Ci troviamo un po’ più lontani dalla città ma i servizi non mancano essendo un comune di grandi dimensioni, così come non manca l’opportunità di fuggire dallo stress, trovando ristoro tra colline e laghi della Brianza. 

 

#2 Cernusco sul Naviglio

credits: wikipedia

Cernusco sul Naviglio si piazza al secondo posto con un incremento molto alto: +3,1% in appena due anni e procede spedito verso i 35.000. Tra i comuni più grandi, che superano i 10.000 abitanti, è di gran lunga al primo posto per tasso di crescita.  Perché questo successo? Il comune è piuttosto grande: una buona combinazione di luoghi di attrazione e buoni servizi che attraggono le persone a spostarsi dalla grande città.

I suoi punti di forza sono la posizione: non lontana dalla linea 2 della metro, in posizione strategica tra tangenziale est e Linate. Ottimo il paesaggio anche grazie al Naviglio. Forse l’unico punto debole è che il suo successo ha portato a un rialzo anche dei prezzi delle case che risultano qui tra i più alti dell’hinterland: il valore immobiliare medio al metro quadro è 2.712 €, mentre l’affitto è 12,10 €/m²: per un bilocale si può arrivare anche a 700/800 euro. Questa differenza può essere dovuta sia ad una percezione di una migliore qualità della vita sia al fatto che in questo comune si stiano trasferendo molte persone con un reddito alto.

#1 Cusago

credits: @zanna991

Cernusco è sicuramente la regina dell’hinterland, se si tratta di comuni più conosciuti. Ma se si cerca bene si trova in cima ai rialzi, un paese piccolino. Ci spostiamo ai confini a ovest del perimetro urbano di Milano, in un piccolo paese dove negli ultimi anni si è assistito al più forte incremento della popolazione dell’intero hinterland milanese: in appena due anni si è registrato un +5,1% nel numero di abitanti che hanno superato quota 4.000. Il paese è famoso per il castello che fu costruito per volere di Bernabò Visconti tra gli 1360 e il 1369, sulle rovine di una fortificazione longobarda, e per la Chiesa Parrocchiale dei Santi Fermo e Rustico.

Qui, anche per la crescita della domande, le case costano di più rispetto ai paesi precedenti: in media 2.404 €/m², mentre l’affitto è ancora a buon prezzo, a 9,90 €/m². Il punto di forza è che ci si trova in campagna ma a un tiro di schioppo da Milano, subito fuori dall’anello della tangenziale. 

Continua la lettura con: 7 QUARTIERI di Milano che una volta erano PAESI AUTONOMI

ANDRA STEFANIA GATU

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.