ENERGIA PULITA: le città stato produrranno il loro combustibile in autonomia

energia pulita
Credits © Jake Murray

Mentre ci allontaniamo dai combustibili fossili, ci saranno alcuni cambiamenti culturali che potresti non aspettarti. Per prima cosa, il potere politico ed economico si concentrerà nelle città piuttosto che nelle regioni o negli stati. Questo è ciò che l’esperto di energia Joe Browder dice in un saggio intrigante.

Leggi anche: Le Città Stato nel Mondo, un modello vincente

Browder, che consulta sia le aziende sia le ONG sul cambiamento delle politiche energetiche, è intervenuto con un guest post sul blog dell’ecologo Daniel Botkin. In esso, descrive come le città inizieranno a produrre il proprio combustibile, in parte grazie alle nuove fonti di energia e in parte grazie agli sviluppi della tecnologia dell’informazione.

La maggiore influenza delle città sui propri investimenti energetici è importante perché la maggior parte degli americani, e la maggior parte dei cittadini nelle economie industriali del mondo, ora vive in società urbane. Gli sviluppi tecnologici ora rendono più economico per la maggior parte delle grandi regioni metropolitane investire nelle proprie economie urbane e vicine, nella generazione distribuita di energia elettrica, da risorse e sistemi tecnologici multipli e spesso su piccola scala, piuttosto che continuare a dipendere e pagare per il vecchio modello di importazione di energia elettrica da grandi centrali di generazione remota.

Leggi anche: 3 sfide che Milano deve accettare per il FUTURO

La stessa patch energetica è ora estesa, includendo la produzione di gas di scisto in Pennsylvania, Ohio, Illinois, West Virginia e forse New York, e includerà la nuova produzione di petrolio in California. Gli stati produttori di combustibili fossili del sud-ovest, del Golfo del Sud, delle Montagne Rocciose e degli Appalachi, che con l’Alaska hanno dominato la politica energetica degli Stati Uniti per tanto tempo, vedranno la loro influenza diluita quando la California e gli stati industriali dell’Est e del Midwest precedentemente in declino diventeranno importanti produttori di energia.

L’abbondanza di gas di scisto americano significa che il gas naturale sposterà il carbone e anche un po’ di energia nucleare nel settore dell’elettricità negli Stati Uniti, il che renderà l’energia solare ed eolica più competitiva nei mercati dell’elettricità. La natura variabile del solare, del vento e dell’energia creata attraverso la gestione della domanda non sarà più considerata inattendibile quando venduta in sistemi di gas naturale che possono essere facilmente realizzati per produrre più o meno elettricità come input da energia solare, eolica e richiesta le forniture di gestione variano. Il gas naturale è l’unico combustibile baseload utile nei sistemi di generazione su piccola scala per supportare il solare distribuito. La combinazione del gas naturale che sposta il carbone per produrre elettricità e la tendenza lontana dalla generazione di energia remota verso la generazione distribuita urbana, stimolerà una maggiore penetrazione di energia solare ed eolica nella nuova e più efficiente infrastruttura elettrica urbana.

È interessante pensare ai meccanismi di come useremmo il gas naturale in concerto con l’energia solare ed eolica. Ma la cosa più interessante è ancora l’idea di Browder secondo cui le città potrebbero diventare cruciali come produttori di energia e consumatori. Mi ricorda l’affermazione di Jane Jacobs secondo cui le città prosperano quando iniziano a produrre i propri beni, anziché importarli. Forse la prossima tappa per le città moderne che vogliono sopravvivere è portare la produzione di energia internamente.

 

PAOLO BRAMBILLA

 

Questa pubblicazione è una traduzione di un articolo di Annalee Newitz originariamente uscito su gizmodo.com

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Come In Un Bosco
CONDIVIDI
Articolo precedenteIl LABIRINTO DI MILANO, il capolavoro nascosto di Arnaldo Pomodoro
Articolo successivoTo Rome with Love
Paolo Brambilla
Laurea in Economia e Commercio alla Bocconi, giornalista pubblicista, direttore responsabile di ActionNews. È consigliere della Sala Stampa Nazionale di Milano. "Con il cognome che porto -dichiara- non devo dimostrare di essere milanese al 100% da generazioni". Appassionato di storia cittadina, per lavoro però si occupa di economia e finanza. Pubblica articoli su Affari Italiani e www.trendiest.eu