La legge del contrappasso: 7 RITORSIONI che potrebbe prendere Milano contro chi le ha voltato le spalle

Anche la Schadenfreude, la felicità per la disgrazia degli altri, ha un limite: la legge del contrappasso. Perchè Milano perdona, ma non dimentica

Foto: Andrea Cherchi (c)

L’ultimo schiaffo è quello riportato da Repubblica di uno spot di promozione della Calabria: Calabria, lo spot infame: “Venite in vacanza da noi, al Nord ci si ammala”.

Non è una novità. Perfino nei momenti più duri dell’emergenza sanitaria per Milano e la Lombardia da molte parti d’Italia non è arrivata neppure una parola di conforto o un minimo gesto di solidarietà.  Anzi, quando le istituzioni politiche di alcune regioni aprivano bocca era solo per versare parole di astio o di insofferenza. Ma anche la Schadenfreude, la felicità per la disgrazia degli altri, ha un limite: la legge del contrappasso. 


Leggi anche: Il muro del sud contro il nord: la riconoscenza non è di questo Paese

La legge del contrappasso: 7 RITORSIONI che potrebbe prendere Milano contro chi le ha voltato le spalle

#1 Visite mediche: chi arriva dalle regioni “ostili” potrà prenotare dal marzo 2021

A causa del Covid chi è dovuto restare a Milano non ha potuto fare visite mediche. Ora che ripartono le visite, ci vorrà molto tempo per smaltirle tutte: le visite per chi arriva dalle regioni meno solidali ripartiranno dall’8 marzo 2021.

Leggi anche: Non vogliamo i milanesi! Monta la rivolta al sud


#2 Ricoveri: graduatoria in base alla solidarietà dimostrata

Diverse regioni hanno dichiarato nei momenti di picco dei decessi in Lombardia di voler chiudere ai lombardi. La motivazione ufficiale era di evitare il rischio di troppi ricoveri nelle loro strutture. Dopo il Covid, in Lombardia bisognerà mantenere sempre liberi un tot di posti letto in terapia intensiva e negli ospedali per far fronte a una futura emergenza. Quindi chi viene da fuori, negli ospedali della Lombardia potrà avere disponibilità di ricovero solo dopo la piena soddisfazione dell’offerta per i cittadini rimasti in Regione durante il lockdown. A seguire i posti letto verranno assegnati ai cittadini provenienti dalle regioni che hanno mostrato una qualche solidarietà alla Lombardia (come l’Emilia Romagna), poi chi arriva da regioni che sono rimaste in silenzio, infine quelle che si sono dimostrate ostili o denigratorie.

Leggi anche: Al Sud che vieta l’ingresso ai lombardi risponde la Romagna: noi non chiuderemo mai a chi ha reso grande il nostro turismo

#3 Quarantena con obbligo di mascherina all’aperto 

Ci sta pensando anche New York: ora chiudiamo al resto degli americani, dicono. Visto che la Lombardia è stata la regione più colpita dal Covid e ora risulta quella in cui una percentuale più alta di cittadini risulta immune, chi arriva da fuori, soprattutto dalle regioni rimaste più isolate, dovrà essere sottoposto a test sierologico e, se negativo, rimanere in isolamento cautelativo per evitare di essere infettato, con obbligo di mascherina all’aperto oltre al distanziamento sociale per tenerlo lontano da chiunque sia rimasto in Lombardia durante l’emergenza Covid. 


Leggi anche: I liguri: milanesi restate a casa vostra!

#4 Università: borse di studio per chi è rimasto in Lombardia nel primo semestre 2020

Il chilometraggio (distanza dalla Lombardia) sarà motivo di penalità per le università a numero chiuso. Ci saranno vantaggi e borse di studio riservate ai fuori sede che hanno vissuto in Lombardia nel primo semestre 2020 e per gli stranieri dei paesi che hanno inviato aiuti o mostrato solidarietà alla Lombardia. Più penalizzati sia in termini di accessi che di rette saranno gli aspiranti studenti di regioni che hanno denigrato o irriso i lombardi nel momento del bisogno.

Leggi anche: Giù la testa Milano: dopo anni di primati la città ha preso una sonora sberla (La Stampa)

#5 Graduatorie: assunzioni per chi arriva da regioni solidali

Le graduatorie per assunzioni nel pubblico e privato nella regione terranno conto della solidarietà mostrata dalla regione di appartenenza: saranno favorite le assunzioni di chi arriva da regioni che hanno manifestato atti di solidarietà verso i residenti in Lombardia.

Leggi anche: Secessione al contrario: l’Italia vuole riaprire lasciando fuori la Lombardia

#6 Prezzi delle case a valori preCovid per chi arriva da regioni “ostili”

A chi ha disdetto l’affitto per andarsene durante il lockdown e chi arriva da regioni che non hanno dimostrato solidarietà verso la Lombardia, verranno applicati canoni di affitto a valori pre covid. L’extra gettito sarà utilizzato per compensare affittuari e padroni di casa che hanno avuto perdite durante il lockdown. 

Leggi anche: Un rappresentante del Governo: chiudiamo i lombardi in Lombardia!

#7 Test di dialetto milanese

Obbligatorio per chi non è stato in Lombardia durante il Covid. Esentati stranieri e cittadini di regioni che si sono dimostrate comprensive con i cittadini della Lombardia.

Perchè Milano perdona, ma non dimentica. 

Leggi anche: Altro attacco a Milano dal Sud: “basta con la colonizzazione linguistica!”

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare con Milano Città Stato, scrivici a [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi