5 LEZIONI che il CORONAVIRUS ci sta dando

Non avrei mai pensato di dirlo, forse nemmeno di pensarlo. Ma, è vero, questa calamità, che ha investito le nostre vite e le nostre abitudini, ci sta dando delle lezioni che potrebbero tornarci utili.

morale

Non avrei mai pensato di dirlo, forse nemmeno di pensarlo. Ma, è vero, questa calamità, che ha investito le nostre vite e le nostre abitudini, ci sta dando delle lezioni che potrebbero tornarci utili. Prima tra tutte, quella di non dar mai per scontato il bello, il normale, ma anche il brutto, di cui godiamo ogni giorno, nei momenti di quiete.
Perciò, vale la pena fare un punto della situazione e portarci a casa alcuni insegnamenti, per metterli in pratica ora e quando tutto questo sarà solo un incredibile ricordo.
Tra queste lezioni ci sono anche un paio di grazie fondamentali, indispensabili.

5 LEZIONI che il CORONAVIRUS ci sta dando

 

#1 che nn esiste “l’altro”

“Non bisogna mai avere paura dell’altro perché tu rispetto all’altro sei l’altro.” Lo ha detto Andrea Camilleri. E forse oggi è un pensiero che si è fatto strada nelle teste di tanti, che per settimane hanno rappresentato, per le province vicine, per le altre regioni italiane, per molti paesi stranieri, l’altro da temere, l’altro portatore del virus.
Ma prima del virus? La nostra paura che qualcuno ci potesse togliere ciò che spetta di diritto al nostro gruppo di appartenenza era destinata allo straniero, al povero, a chi fa scelte di credo o di sessualità diverse. Quando, perciò, ci si potrà ridare la mano, sarà bello allungarla verso chi non è più altro rispetto a noi.

#2 che l’Italia ha uno dei sistemi sanitari migliori al mondo (da difendere e potenziare)

sanità

Sia in termini di assistenza, che in termini di ricerca, nonostante i continui tagli alla sanità degli ultimi dieci anni. Milano, in particolare, ha strutture d’eccellenza che stanno operando con efficacia e con la totale abnegazione dei sanitari impegnati 24 ore su 24, a tutti i livelli professionali. L’autonomia di Milano, costituita in forma di Città Stato e l’acquisizione di pieni poteri porterebbe al raggiungimento di livelli ancora più elevati, in grado di poter far fronte a nuove emergenze, creando modelli da esportare in tutto il mondo.

#3 che il Pronto Soccorso serve solo per le emergenze

Sì, fino all’avvento del coronavirus ne abbiamo fatto un uso improprio.
Lo afferma nursetimes.org che intitola il suo articolo così: “L’emergenza Coronavirus smaschera l’uso improprio dei PS: in tutta Italia le sale d’attesa sono deserte”.
E continua: “Questo ha permesso di dimostrare ciò che ogni professionista della salute è costretto a subire da anni, ovvero l’invasione da parte di centinaia di persone che non hanno alcun bisogno di salute urgente.”
Gli appelli a non rivolgersi autonomamente al Pronto Soccorso in caso di sospetto di contagio hanno costituito un deterrente e tolto la maschera ai codici bianchi e verdi.

#4 che il lavoro ci nobilita davvero

colleghi

Perché definisce la nostra identità sociale, ci fa sentire utili, ci spinge ad interagire col prossimo, è un esercizio continuo di resilienza, ci fa crescere nel carattere, non solo nelle competenze lavorative, ci costringe a non procrastinare, a uscire di casa, a vestirci, a salutare… Sono infinite le funzioni benefiche che l’esercizio della nostra professione ci offre, e forse oggi un po’ la vediamo come un piacere a cui vogliamo tornare.

#5 che la vita può andarsene in un soffio

formiche

Della caducità della nostra esistenza se ne potrebbe parlare per pagine e pagine, ma non siamo qui per fare pipponi noiosi o strappalacrime. Solo, proviamo a pensare ai nostri problemi nella giusta prospettiva facendo un click qui 😉
Ne vale la pena.

BARBARA VOLPINI

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Leggi anche:
*I dieci effetti di Milano città stato più votati dai milanesi: al primo posto portare Milano a livello delle PRIME AL MONDO
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi