🔴 Ingressi contingentati, sale d’attesa AFFOLLATE: il paradosso dell’ordinanza anticontagio a Milano

Negli uffici bancari e postali, per limitare la concentrazione di clienti all'interno, vengano concentrati invece in attesa nell'area di filtraggio prima dell'ingresso o nell'area degli sportelli bancomat

Uffici poste pieni fuori e vuoti dentro (foto: Natalia Molchanova)

L’ordinanza che prevede di tenere una distanza adeguata di un metro tra le persone e limitare l’assembramento sembra sia stata presa in modo un po’ originale. Sta accadendo infatti che negli uffici bancari e postali, per limitare la concentrazione di clienti all’interno, vengano concentrati invece in attesa nell’area di filtraggio prima dell’ingresso o nell’area degli sportelli bancomat.

Un modo originale per eseguire l’ordinanza anti-contagio: clienti  concentrati nella sala d’attesa

Uffici poste pieni fuori e vuoti dentro

In questi giorni di moderata ripresa della città e di aumentato flusso negli uffici pubblici, come quelli postali, e nelle banche, i responsabili di filiale hanno deciso di dare una propria interpretazione all’ordinanza emanata dalla Regione Lombardia che ha l’obbiettivo di limitare le possibilità di contagio da virus in ambienti molto frequentati.


Come si vede dalla foto in alto si sta assistendo ad una duplice situazione: all’interno dei locali si registrano poche persone agli sportelli tenuti alla corretta distanza di sicurezza, mentre all’esterno tutti i clienti si trovano ammassati nelle sale bancomat o di attesa complice anche il freddo delle ultime ore. La sensazione è che l’ordinanza venga applicata esclusivamente per tutelare la salute degli impiegati, a danno di quella dei clienti.

La situazione che si è creata, con le persone che si comportano all’esatto contrario di quanto prescritto dagli organi di governo, è la dimostrazione che quando dei limiti non sono calati nella realtà quotidiana possano produrre effetti opposti a quanto preventivato.

La sensazione è che l’ordinanza venga applicata esclusivamente per tutelare la salute degli impiegati, a danno di quella dei clienti.



FABIO MARCOMIN

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* I dieci effetti di Milano città stato più votati dai milanesi: al primo posto portare Milano a livello delle PRIME AL MONDO
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)