🔴 BREAKING NEWS. I milanesi NON hanno PAURA: il 66% vuole “riaprire” la città

Un chiaro invito ai decisori politici a prendersi la responsabilità delle proprie scelte, senza cercare alibi su presunte psicosi o timori dei cittadini

foto di Andrea Cherchi (c)

28 febbraio: sondaggio lampo rivolto ai milanesi. La domanda: Riaprire Milano o continuare così (tenendo chiuse scuole, università e luoghi di aggregazione)? In poche ore hanno votato 2.364 persone. Il risultato è netto: il 66% è a favore alla riapertura.

 I milanesi NON hanno PAURA: il 66% vuole riaprire la città

Risultati finali


Al sondaggio realizzato su Facebook hanno votato 2.364 persone che si sono registrate con il loro profilo. Il messaggio inviato ai decisori politici è chiaro: decidete per il meglio, ma tenete in considerazione che i milanesi non hanno paura. Un chiaro invito a Governo, Regione e Sindaco a prendersi la responsabilità delle proprie scelte, senza cercare alibi su psicosi o timori dei cittadini. Che a parte qualche comportamento folkloristico accentuato dai media stanno dimostrando ogni giorno una grande maturità, stanno rispettando con senso del dovere le limitazioni imposte, nonostante i danni che molti subiscono, e che sono pronti a fare ripartire la città. Rilanciando #milanononsiferma, il messaggio coniato da Milano Città Stato, per indicare che “the show must gon on”: Milano non si è fermata al tempo delle invasioni barbariche, delle pestilenze, della Seconda Guerra Mondiale e degli Anni di Piombo. Non si fermerà neanche a causa del coronavirus.

Qui il sondaggio: Riaprire Milano?

La notizia rilanciata dai media

Il sondaggio è stato anche rilanciato da Il Giorno, nell’articolo Il 66%dei milanesi dice “riapriamo la città” , con l’intervista ad Andrea Zoppolato che ha una speranza: “Questa emergenza può essere l’occasione per ridefinire il concetto di autonomia, un elemento fondamentale per rilanciare Milano attraverso deleghe, legge e autonomie speciali. Insomma, poteri straordinari almeno per un determinato periodo per rimettere Milano subito in carreggiata”. E per uscire dal tunnel l’invito alle istituzioni è questo: “Tre soggetti si devono sedere intorno al tavolo: Governo, Regione e Comune. Il Governo potrebbe dare un segnale positivo dal punto di vista fiscale. E se non non può rinunciare ai soldi, almeno vada nella direzione della “burocrazia zero’’ per un anno. La Regione, invece, potrebbe dare maggior autonomia al Comune, che, a sua volta, dovrebbe chiedere al Governo una delega a trattare direttamente con l’Unione europea sul reperimento dei fondi europei per la lotta contro l’inquinamento ambientale”.



Qui l’articolo de Il Giorno: Il 66%dei milanesi dice “riapriamo la città”

 #milanononsiferma

Prosegue intanto la campagna social #milanononsiferma, lanciata sulla Fan Page di Milano Città Stato all’inizio dell’emergenza per incoraggiare e ringraziare chi sta consentendo a Milano di andare avanti con il suo lavoro, con il suo impegno, con lo spirito di sacrificio a favore della comunità di cui far parte chi viva e lavora nella nostra città straordinaria.

#milanononsiferma: inno alla rinascita di Milano

"Continua a spopolare su internet uno slogan positivo #milanononsiferma Lanciato dal sito www.milanocittastato.it e postato dal sindaco Sala è diventato una sorta di inno alla rinascita" (TG5 del 28/02/2020)

Publiée par Milano Città Stato sur Vendredi 28 février 2020

MILANO CITTA’ STATO

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)