Quasi MILLE MILIARDI di CREDITI non recuperabili: lo STATO ITALIANO è virtualmente FALLITO?

In arrivo una nuova "pace fiscale" che cancellerebbe 60 milioni di cartelle esattoriali di crediti inesigibili. Ma sono molti di più quelli che non verranno mai riscossi e che se contabilizzati correttamente porterebbero l'Italia al default

Credits: consulting_mascia.luciani IG - Mario Draghi

Pare in arrivo una nuova “pace fiscale” che cancellerebbe 60 milioni di cartelle esattoriali di crediti inesigibili. Ma è solo una minuscola porzione dei crediti vantati dall’Erario, nei confronti di imprese e cittadini, che non potranno essere mai riscossi. Ma che se cancellati dal bilancio porterebbero l’Italia al default. Vediamo perché.

Quasi MILLE MILIARDI di CREDITI non recuperabili: lo STATO ITALIANO è virtualmente FALLITO?

# Insieme al “Decreto Sostegno”, dal governo Draghi in arrivo una nuova “pace fiscale”: 60 milioni di cartelle esattoriali e relativi carichi verrebbero cancellati

Credits: it.sputinknews – Consiglio dei Ministri governo Draghi

Parallelamente al decreto “Sostegno” per le imprese e partite iva colpite dalla crisi economica conseguente alle chiusure forzate imposte dal governo per contenere la diffusione del Covid-19, si fa sempre più concreta l’ipotesi di una rottamazione quater delle cartelle, quelle di importo superiore ai 5.000 euro. I carichi interessati dalla nuova definizione agevolata sarebbero quelli relativi alle cartelle emesse dal 2000 al 2015, secondo il consueto schema adottato per le varie rottamazioni, con la cancellazione di interessi e sanzioni maturati nel corso degli anni. In totale la “pace fiscale” farebbe sparire 60 milioni di cartelle esattoriali, ed è qui che arrivano i problemi.


# Aziende fallite, cittadini deceduti e azioni di recupero mai finalizzate: quasi 1000 miliardi di crediti inesigibili

Credits: ilconsulente_del_lavoro – Agenzia Entrate
IG

Il problema principale è di natura finanziario perché la cancellazione dei crediti iscritti nei bilanci di Erario, enti territoriali e istituti di previdenza ha un costo, che solo per quelli previsti da questa “rottamazione quater” ammonterebbe a 2 miliardi. La situazione però è molto più preoccupante, infatti su quasi 1000 miliardi di crediti vantati a vario titolo dallo Stato Italiano circa il 90% non verranno mai riscossi. Ecco perché: oltre 300 miliardi sono inesigibili, di questi 153,1 miliardi sono riferiti ad aziende fallite o chiuse, 118,9 a cittadini deceduti o comunque irreperibili, 109 miliardi a nullatenenti. Altri 410 miliardi sono parte di azioni di recupero in corso ma mai finalizzate integralmente, a questi si aggiungono debiti in maggior parte non superiori i 1.000 euro di oltre 17 milioni di italiani.

Fonte: Paolo Brambilla Fb

# Se lo Stato fosse un’azienda dovrebbe dichiarare fallimento

Credtis: nuovoatlantide.org – Italia a rischio default

Cosa succederebbe se lo Stato Italiano fosse un’azienda? I crediti in bilancio nella misura in cui non saranno mai recuperati diventerebbero perdite, pertanto il nostro Stato dovrebbe certificare quasi 900 miliardi di perdite a cui andrebbero aggiunti i 2.600 miliardi di debito pubblico. La logica conseguenza sarebbe il default. Al momento però l’Italia sta facendo esattamente quello che hanno fatto, e forse fanno ancora, le banche con i loro crediti tossici, nascondere la polvere sotto il tappeto sperando che nessuno, istituzioni europee e mercati finanziari, se ne accorga.



Continua la lettura con: ITALIA a rischio default? 5 curiosità che pochi immaginano sugli Stati che sono falliti

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe VIE del MONOPOLI sono MILANESI: ecco quali sono
Articolo successivoRoma prima al mondo in «STUDI CLASSICI»
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.