Il PRIMO COMPUTER d’Europa si accese a MILANO

Il primo computer d'Europa è stato acceso a Milano. Ma quanto è costato? E come ci è arrivato fin qui?

Credits: museovirtuale.polimi.it

Il primo calcolatore fu acceso al Politecnico di Milano. Quanto pesava? Ma soprattutto, quanto è costato?

Il PRIMO COMPUTER d’Europa si accese a MILANO

# Il primo computer venne acceso al Politecnico di Milano

Credits: teknoring.com

Milano è stata la prima città dell’Europa continentale ad avere un computer. Infatti, il primo calcolatore europeo, il CRC102A, venne acceso nel 1954 per la prima volta al Politecnico di Milano. Il rettore della nota università milanese, Cassinis, progettò la macchina di calcolo e, dopo aver chiesto fondi al piano Marshall, incaricò il giovane docente Luigi Dadda di imbarcarsi in direzione Stati Uniti con destinazioni Università di Pasadena e la Computer Rersearch Corporation per curare la progettazione e la costruzione del calcolatore.


# 1,2 tonnellate sbarcarono a Genova. Il calcolatore usato dalla Pirella e da Edison

Credits: museovirtuale.polimi.it

Il computer, o meglio la macchina di calcolo, aveva un peso che raggiungeva le 1,2 tonnellate. Una volta terminato venne imbarcato a Long Beach e nell’ottobre del 1954 raggiunse il porto di Genova. Il Politecnico poteva così avere il primo calcolatore d’Europa utilizzato anche dalle aziende del panorama italiano. Tra queste aziende troviamo la Pirelli, famosa azienda che produce pneumatici, e la Edison, la quale lo utilizzò per progettare dighe. Il primo computer del Politecnico costò ben 135 mila dollari ed era basato sulla tecnologia delle valvole termoioniche ma fu il primo computer ad essere acceso in Europa. 

Fonte: bitstory

Continua la lettura con La PRIMA AUTOMOBILE della storia fu inventata a Milano, mezzo secolo prima della Mercedes

MARCO ABATE



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.    

2 COMMENTI

  1. La prima rete di area locale (LAN – Local Area Network) che collegava piu’ microcomputer in rete e’ stata inventata, progettata e costruita a Milano nel 1980 da una azienda italiana, la Elema Spa, che l’ha venduta alla Olivetti. La LAN collegava per la prima volta 430 microcomputer in rete locale, ed e’ stata installata nei due emicicli del Parlamento Europeo a Strasburgo ed Lussemburgo come parte del sistema di voto elettronico.
    La rete LAN includeva gia’ anche una Firewall. Secondo ComputerWeekly.com la prima Firewall fu inventata dalla Digital Equipment Corporation (DEC) alla ine degli anni 1980s: https://www.computerweekly.com/news/2240159432/The-history-of-the-Next-Generation-Firewall mentre la Elema la usava gia’ a partire dal 1980 per il Parlamento Europeo e per un sistema analogo per il sistema di votazione ellettronica del Senato della Repubblica Italiana.
    Nel sito https://enricomassetti.com c’e’ un video della prima volta in cui la LAN del sistema di voto e’ sta usata in Lussemburgo, e di quello che e’ successo.

Comments are closed.