Il passato glorioso della SALA delle CARIATIDI

Il glorioso passato della sala più bella di Milano

Credits: ticinolive.it - Sala delle Cariatidi

La Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale appare spogliata, ferita, come un cuore che ha amato e si strugge del suo passato. Colpita, segnata per la vita, smembrata ma integra nella sua identità, nella forza di sentimenti evocativi, elegante nonostante gli abiti stracciati, potente perché vera, unica perché si mostra senza trucco, senza inganni ma riduce al silenzio chi credeva di potersi soffermare sui suoi sfregi ed invece si ritrova soggiogato dal suo fascino.

Il passato glorioso della SALA delle CARIATIDI

# Realizzata dal Piermarini e Albertolli nel 1774, era la sala dei ricevimenti ufficiali e dei grandi balli

Credits: Urbanfile – Sala delle Cariatidi

Collocata al piano nobile del Palazzo Reale di Milano, fu creata nel 1774 dal Piermarini e da Albertolli ai quali si affiancarono gli scultori Callani e Franchi. Era un luogo adibito ai ricevimenti ufficiali, ai balli.


Credits: Urbanfile – Sala delle Cariatidi in una scena del film del 1934 “Teresa Confalonieri” dove i protagonisti si incontrano durante un ballo nel Salone delle Cariatidi

Nel 1919 il Re Vittorio Emanuele III vi accolse il presidente degli Stati Uniti d’America Wilson. 

# Nel 1943 venne devastata dalle bombe americane

Nel 1943 uno dei bombardamenti angloamericani devastò gli ambienti del Palazzo e la sala subì anche un incendio che ne scoperchiò il soffitto. Cosi rimase per 4 anni a memoria del triste evento.

Credits: Urbanfile – Francesco Hayez: L’Apoteosi di Ferdinando I°, 1838.

Il grandissimo affresco sul soffitto “L’Apoteosi di Ferdinando I°, 1838” di Francesco Hayez andato distrutto e perduto per colpa dei bombardamenti.



Credits: Urbanfile – Sala delle Cariatidi oggi

La Sala delle Cariatidi apre i battenti di rado ai milanesi proprio per la particolarità del suo essere… così repulsiva e magica. Meravigliosa e incomprensibile. Decadente e irreale.

# Scelta da Pablo Picasso nel 1953 per esporre uno dei suoi più grandi capolavori: il “Guernica”

Credits: repubblica.it – Guernica di Pablo Picasso

Nel 1953 Pablo Picasso la scelse per esporre uno dei suoi più grandi capolavori. La Guernica invadeva così quell’immensa sala da ballo dalle sculture mutilate delle braccia e dei volti. Un quadro che denunciava gli orrori della guerra esposto esattamente dove, nel 1943, i bombardamenti avevano devastato. Qualche anno fa ho avuto la fortuna di ammirare le opere di Picasso proprio in quella sala ed ho pensato che nessun luogo al mondo fosse così aderente alla potenza espressiva del pittore catalano. La modernità ed il neo classicismo fuse fra loro, come due anime necessarie l’una all’altra. Il vagito di una pittura rivoluzionaria ed il lamento del passato. L’indiscussa sovranità di un maestro a cui va dato il trono del Palazzo Reale.

PAOLA MERZAGHI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

Articolo precedente🔴 Le 4 MISURE allo STUDIO per scongiurare un nuovo lockdown a Milano
Articolo successivoLe 7 MISURE della SVEZIA contro il Covid
Paola Merzaghi
52 anni, sopra tutto madre, soprattutto coraggiosa sognatrice. Amo scrivere da sempre, ma la tradizione di famiglia mi ha portata ad appartenere alla quinta generazione di orafi, presenti a Milano dal 1870. Di me preferisco pensare di non essere in dirittura d'arrivo ma solo al giro di boa della mia esistenza consapevole che le bracciate per tornare a riva non saranno mai uguali a quelle dell'andata. Le esperienze e le consapevolezze rendono magico ogni metro guadagnato, il profumo del mare, i tramonti e tutte le albe che la vita mi riserverà ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here