🛑 La BAM (Biblioteca degli alberi) diventa un’AGORÀ CULTURALE: il programma

Il nuovo centro della cultura open air di Milano

Credits: @monicaritah BAM

A tre anni dalla sua apertura ufficiale, la Biblioteca degli Alberi di Porta Nuova si rinnova. Con un lido milanese appena chiuso, il parco nei mesi estivi ospita infatti sdraio e ombrelloni per far sentire in spiaggia anche gli abitanti della città, BAM non si vuole fermare e si trasforma in un agorà culturale.

La BAM (Biblioteca degli alberi) diventa un’AGORÀ CULTURALE: il programma

# Da parco urbano a piazza della cultura

Credits: @monicaritah
BAM

Da “semplice” area verde urbana, il Comune di Milano, proprietario del parco, insieme alla Fondazione Catella ha deciso di rendere il “giardino botanico contemporaneo” di Porta Nuova un centro di incontro e di cultura. In questo nuovo progetto la parola d’ordine sarà ambiente. Come dice Kelly Russel Catella, presidente della fondazione, infatti, in un periodo pandemico che ha rafforzato le nostre convinzioni, prima di tutto bisogna favorire l’ambiente. A BAM saranno organizzati orti didattici e concerti, un programma ricco che trasformerà il parco in una vera e propria piazza culturale aperta a tutti.


# Back to the City

Credits: @simontroncone
Back to the city

Con una disponibilità economica di 3 milioni di euro annui per organizzare un programma spettacolare, l’agorà culturale di BAM è stata inaugurata domenica sera con il concerto “Back to the City!” dell’Orchestra Verdi con Stefano Bollani al pianoforte e con un repertorio dedicato a Gershwin. Un’occasione per festeggiare la fine dell’estate e il ritorno in città. E poi il via ad un programma ricco di storia, scienza, ambiente, spettacoli e tanto altro.

# La prima parte del programma

Credits: @milanoguida
BAM

L’obiettivo principale del nuovo progetto per BAM guidato da Francesca Colombo è creare un luogo di musica e cultura all’aperto, che possa essere accessibile a tutti e che si focalizzi sui temi più urgenti in questo periodo. Senza toccare l’argomento pandemia, già sentito fin troppo, il programma per BAM vuole sensibilizzare sul tema della sostenibilità e creare, allo stesso tempo, un luogo di incontro per tutti, un incontro che è mancato in questo anno e mezzo. Tra gli eventi già programmati, oltre al concerto di inaugurazione ci saranno:

un forum aperto alla cittadinanza che il 29/9 ospiterà la scienziata Ilaria Capua e l’accademico Noam Chomsky, mentre il 12 ottobre ci sarà la lectio magistralis di Chomsky. Qui il tema principale sarà il rapporto tra uomo e sostenibilità.



Altri eventi già organizzati sono l’incontro del 2 ottobre con l’architetto Mauricio Cardenas e la World Mental Health Day (giornata mondiale della salute mentale), giornata che sarà interamente dedicata al benessere della mente.

E ancora il 19 settembre ci sarà la festa “Benvenuto Autunno!”, dedicata al tema della protezione delle specie migratorie, e l’evento “Il verde e il blu festival”, durante il quale per tre giorni(dal 10 al 12 settembre) saranno organizzati incontri, performance e musica, tutto dedicato agli oceani e alle città sostenibili.

Continua la lettura con: PIAZZA FREUD diventa PEDONALE: più VERDE e in continuità con la BIBLIOTECA DEGLI ALBERI

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Davide Silvestri e Kekko dei Modà: perché hanno due cognomi diversi ma sono parenti?

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.