🔴 Tutto chiuso a CHINATOWN: “in zona Sarpi saremo gli ultimi a riaprire”

"Milano è bella perché è la Milano da bere e da mangiare. Senza questo perde fascino e vitalità". Le 3 cause che bloccano la riapertura nel quartiere cinese

Credits: milano.corriere.it - Chinatown chiusa

Le attività commerciali di Chinatown sono state le prime a chiudere a Milano, senza attendere il lockdown. E sembra saranno le ultime a riaprire. Questa la sensazione che trasmette via Sarpi e l’area circostante dove ancora pochi negozi hanno alzato le serrande. Quali sono i motivi di questa attesa?

Leggi anche: Le 10 cose che non sapevi dei parrucchieri cinesi di Milano

🔴 Tutto chiuso a CHINATOWN: “in zona Sarpi saremo gli ultimi a riaprire”

# Le tre cause della mancata apertura del quartiere cinese di Milano

Il membro del direttivo di Confcommercio Milano-Monza Brianza e rappresentante dei commercianti cinesi Francesco Wu intervistato da Agenzia Italia ha detto che la decisione di mantenere la chiusura del quartiere cinese di Milano almeno fino a Giugno è derivato da diversi fattori, tra cui quello economico ha avuto un peso decisivo e che “c’è il rischio di un ottobre nero con la chiusura anche del 20% delle attività. I costi per rispettare tutte le norme anti-contagio sono molto alti, soprattutto per i ristoranti, e si va verso una estate anomala, in cui verranno a mancare molti turisti: sarà il periodo peggiore“.

#1 Gli asiatici sono più prudenti 

“Con questi numeri è impossibile andare avanti. Se saltiamo noi saltano anche i nostri dipendenti, salta tutto“e “oltre il 20% di chiusure il sistema non reggerebbe più” aggiunge Wu, ricordando che a Milano e città metropolitana ci sono ben 8 mila ditte cinesi. “Ognuno riaprirà quando crede, qualcuno per il weekend, altri tra due settimane. Non c’è nulla di concordato – dice il referente in Confcommercio Milano per l’imprenditoria straniera. Ma credo che in zona Sarpi saremo gli ultimi a riaprire” sia perché c’era una “clientela interna” e sia “perché gli asiatici sono i più prudenti“.

#2 Costa di più stare aperti

Riaprire sarebbe anche antieconomico e nonostante la cassa integrazione non sia ancora arrivate Wu ammette che “riaprire in questo momento, a maggior ragione per chi ha del personale, è antieconomico. Costa di più stare aperti. Almeno ora c’è la cassa integrazione che permette alle imprese di resistere di più, anche se i soldi non sono ancora arrivati“.

#3 Regole poco chiare, troppi decreti e protocolli 

Il rappresentante delle comunità cinese ha sottolineato anche la difficoltà che applicare le norme dettate dal Governo e l’incertezza sui passi da fare per aprire in sicurezza. Molti imprenditori non hanno aperto perché le norme non erano chiare, poi c’è stata anche una retromarcia sulle persone conviventi che a ristorante devono stare a distanza di un metro, come gli altri. Così si fanno le cose all’ultimo, di corsa. Come ci sentiamo tutelati?“.

I negozi del food hanno continuato a lavorare con il delivery, che però consente di generare una percentuale ridotta di fatturato in quanto i maggiori incassi derivano dalla consumazione sul posto, perchè come dice Wu “Milano è bella perché è la Milano da bere e da mangiare. Senza questo perde fascino e vitalità”. Se anche i laboriosi cinesi mollano il colpo, cosa succederà agli italiani?

Fonte: agi.it

FABIO MARCOMIN

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

     

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


close

I nostri articoli sono interessanti?

Da adesso puoi ricevere in email i nuovi articoli di Milano Città Stato... scegli tu la frequenza!

Facendo click sul bottone "Iscriviti" accetti di ricevere via email le newsletter di Milano Città Stato. I tuoi dati saranno trattati in conformità alla normativa GDPR (link privacy)