Si chiamava Faber – Fabrizio De Andrè al Carroponte

Questo venerdì, potrai ascoltare dal vivo i brani più belli di Fabrizio De Andrè grazie alla serata "Si chiamava Faber" del Carroponte.

Faber.

Questo è il soprannome che Paolo Villaggio diede al suo grande amico, Fabrizio De Andrè, e che poi passò alla storia.

Il riflessivo Faber era un cantautore dalla chitarra semplice e dalle parole profonde. Ci sono tanti brani iconici di questo artista: “La guerra di Piero”, “Il Pescatore” e “Via Del Campo”, ma anche “Bocca di Rosa”, “Geordie”, “Don Raffaè” e molte, molte altre.

Uno dei miei brani preferiti del buon Faber, però, rimane la grottesca e ironica “Ballata dell’amore cieco”:

“Un uomo onesto, un uomo probo

Tralalalalla tralallaleru
S’innamorò perdutamente
D’una che non lo amava niente.

Gli disse portami domani

Tralalalalla tralallaleru
Gli disse portami domani
Il cuore di tua madre per i miei cani.

Lui dalla madre andò e l’uccise

Tralalalalla tralallaleru
Dal petto il cuore le strappò
E dal suo amore ritornò.

Non era il cuore, non era il cuore

Tralalalalla tralallaleru
Non le bastava quell’orrore
Voleva un’altra prova del suo cieco amore.

Gli disse amor se mi vuoi bene

Tralalalalla tralallaleru
Gli disse amor se mi vuoi bene
Tagliati dei polsi le quattro vene.

Le vene ai polsi lui si tagliò

Tralalalalla tralallaleru
E come il sangue ne sgorgò
Correndo come un pazzo da lei tornò.

Gli disse lei ridendo forte,

Tralalalalla tralallalero
Gli disse lei ridendo forte,
L’ultima tua prova sarà la morte.

E mentre il sangue lento usciva

E ormai cambiava il suo colore,
La vanità fredda gioiva,
Un uomo s’era ucciso per il suo amore.

Fuori soffiava dolce il vento

Tralalalalla tralallaleru
Ma lei fu presa da sgomento
Quando lo vide morir contento.

Morir contento e innamorato

Quando a lei niente era restato
Non il suo amore non il suo bene
Ma solo il sangue secco delle sue vene.”

Eh sì: Faber era tanto crudo quanto affascinante.

Se anche tu ami repertorio del grande Fabrizio de Andrè, allora sono lieta di darti una splendida notizia: a partire dalle 21 di questo venerdì, il Carroponte ha organizzato la serata a ingresso libero “Si chiamava Faber, durante la quale verranno riproposti i pezzi più belli del grande cantautore genovese.

Sarà come vederlo nuovamente alla sua amata chitarra.

SCOPRI L’EVENTO

Vuoi saperne di più?

Registrandoti su Spotlime, l’app che seleziona i migliori eventi di Milano, riceverai un promemoria dell’evento e potrai rimanere sempre aggiornato su questo e tutti gli eventi simili in città. Inoltre, prenotandoti dall’app e partecipando agli eventi, riceverai un vantaggio esclusivo.

SCOPRI L’APP

CONDIVIDI
Articolo precedenteROMANTICI a Milano: chi sono i protagonisti della città quando dorme
Articolo successivo18.5.1957: nasce al Palaghiaccio il ROCK’n roll italiano
Redazione di Spotlime
Spotlime è l'applicazione per scoprire i migliori eventi nelle principali città italiane. Spotlime è semplice e intuitiva: gli eventi presenti sono suddivisi per categorie, per data e vi è anche una mappa che geolocalizza ogni locale. Un team di content editor seleziona quotidianamente i migliori aperitivi, concerti, mostre, discoteche, e non solo. Tramite l’app, gli utenti possono scegliere gli eventi che più rispecchiano i loro gusti, ma anche prenotarsi direttamente e ricevere vantaggi esclusivi (ingresso gratuito, sconti, drink omaggio, saltacoda). I locali e gli organizzatori di eventi possono utilizzare l’app per aumentare la propria visibilità online, farsi conoscere dal pubblico più adatto e aumentare i propri clienti. Al momento è attiva a Milano, Roma, Firenze, Bologna Napoli, Torino, Bari, Catania, Genova, Padova e Palermo.