Anche se nessuno la chiama così

Andiamo in stazione. Andiamo alla centrale. Nessuno dice andiamo alla “Madre Cabrini”. Eppure è quello il suo nome in una città in cui periodicamente i suoi governanti decidono di dare alle cose un nome diverso da come le chiamano i milanesi. Come la stazione accade anche per lo stadio San Siro (vero nome: Giuseppe Meazza), il parco Trenno (intitolato ad Aldo Aniasi) o il parco delle Basiliche che, in realtà, lo si dovrebbe chiamare Parco Papa Giovanni Paolo II.
C’è comunque un motivo logico per chiamare così la stazione: Madre Cabrini è la patrona degli emigranti.