Milano, è la capitale delle STARTUP?

1363 startup innovative registrate dal 2013 all’inizio di maggio 2018: sulla piazza italiana Milano non ha concorrenza come culla di quelle nuove imprese che rispondono ai requisiti del decreto legge 179/2012.
Roma è seconda con 762, Torino è lontanissima con 283 startup innovative presenti nel registro speciale.

startup a milano

Servizi e software prima di tutto

Ben l’84,1% dell’innovazione milanese si concentra sui servizi, lasciando solo le briciole a industria e artigianato (9,4% delle imprese iscritte), commercio (5,2%), turismo (0,9%) e agricoltura e pesca.

La gran parte ha come attività prevalente la produzione di software (557). seguono per numero di startup coinvolte la fornitura di servizi di informazione (197), la ricerca scientifica e sviluppo (115) e la consulenza aziendale (51).

Tante mini realtà

Delle 618 che dichiarano il numero di addetti, 482 arrivano a massimo 4 addetti, 87 ne hanno da 5 a 9, 35 tra 10 ai 19, solo 10 dai 10 ai 49, 4 si collocano tra 49 e 249 e nessuna va oltre i 250.

I campioni per numero di addetti li avrete forse sentiti nominare: sono ProntoPro, Docplanner (che controlla miodottore.it), Arm23, Epizza (Dominos Italia).

E il fatturato?fatturato startup milano

Se andiamo a vedere il valore della produzione dichiarato, sono 8 le imprese che fatturano tra i 2 e i 5 milioni di euro. Nessuna delle aziende nominate in precedenza. Abbiamo invece Market Wall (attività editoriali in ambito finanziario), Media Stoke (mobile marketing, fa riferimento a Triboo), Tecnopolimeri international (fabbricazione di prodotti chimici), Samso (efficientamento energetico), Criel Group (attiva nel campo delle rinnovabili), Zehus (biciclette elettriche) e Velasca (scarpe e accessori).

A queste si aggiunge la Packlink Italy che risulta però in liquidazione.

25 startup innovative indicano nel registro un valore della produzione tra 1 e 2 milioni di euro; 42 tra i 500mila e il milione, 187 tra i 100mila e i 500mila euro, 417 meno di 100mila euro annui.

SOS investimenti

A livello di capitale sociale, sono 24 le imprese nate versando un solo euro. 188 presentano un capitale sociale fino a 5mila euro.

Importanti investimenti invece da parte di 5 realtà: 3 hanno sottoscritto un capitale sociale tra i 2,5 e i 5 milioni di euro (Credimi che finanzia i crediti commerciali, Ottima srl che progetta soluzioni per l’efficienza energetica, Club digitale che investe proprio in startup).  

Due oltre i 5 milioni: Mimete (metallurgia) e Innovheart (ricerca in ambito clinico e sanitario).capitale sociale startup milano

I numeri dell’innovazione

164 realtà innovative dichiarano di aver brevettato la loro soluzione tecnologica.

34 società dichiarano di essere a esclusiva presenza femminile, 39 a maggioritaria (66% donne tra % capitale sociale e amministratori). In 19 casi il 100% (capitale e amministratori) è straniero, in 108 casi tra capitale e amministratori la società è in mano esclusivamente a giovani under 35.

Poche le startup che si possono definire a vocazione sociale (solo 40). Quelle ad alto valore tecnologico in ambito energetico sono invece circa il triplo (118).

(dati tratti da Registro Imprese Startup startup.registroimprese.it – 1 Maggio 2018)

ELIF LAB

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato