Inspired: faremo di Milano la capitale europea delle scuole internazionali

Various international flags blowing in wind, low angle view

C’è un gruppo inglese, con sede a Londra, proprietario di 23 scuole internazionali che adottano il programma formativo IB (International Baccalaureate www.ibo.org), che ha deciso di fare di Milano la punta di diamante della sua collezione.

Il gruppo si chiama INSPIRED e di bello non ha solo il nome, evocativo di persone che hanno una visione, ma anche il progetto. L’idea è quella di trasformare l’International School of Europe di Milano, la ISM, nell’unica scuola internazionale d’Italia e d’Europa con un sistema IB dai 3 anni ai 18 anni e di farlo puntando all’ottenimento dei massimi risultati in termini accademici.

Il percorso è già iniziato questa estate quando il gruppo internazionale delle scuole Inspired ha investito in 2 scuole italiane, solo poche settimane dopo averne acquisita un’altra in Belgio. L’acquisto dell’International School of Europe Group e della St. Louis School ha infatti portato il gruppo ad essere proprietario di 23 scuole in 4 continenti.

Fondata nel 1958 dalla Famiglia Formiga, la International School of Europe (ISE), è presente a Milano, Modena, Monza e Siena per un totale di circa 1800 studenti dai 3 ai 18 anni.

Inspired ha comprato le scuole dal fondo di private equity HIG Capital, che vi aveva investito nel 2014. Raffaele Legnani, a capo del Fondo di private equity disse che l’acquisto della scuola aveva apportato un “incredibile risultato per HIG e per i suoi investitori”.

Inspired ha poi investito anche nella Scuola St Louis di Milano, che ha più di 1000 studenti. La fondatrice della scuola, Luciana Vescovi, ha dichiarato che l’acquisto ha offerto alla Scuola St. Louis “molteplici opportunità di crescita” oltre che un ampliamento della struttura.

Inspired, ad agosto 2016 ha anche acquistato la St John’s school in Belgio portando il gruppo ad avere oltre 15000 studenti nel mondo. Il gruppo possiede scuole di primo livello in Europa, Australia, Africa e Sud America ed è sostenuto da una holding, Educas.

Per Stephen Spurr, Group Education Director, del gruppo Inspired, “ricevere un’educazione internazionale significa avere maggiori opportunità per studiare e lavorare in un contesto globalizzato, dove non esistono frontiere, se non quelle delle possibilità.”

Studiare all’International School per un giovane significa crescere bilingue in un ambiente cosmopolita e avere la chiave per aprire più porte al futuro utilizzando i programmi formativi dell’IB, riconosciuti in tutto il mondo. Nelle International School la lingua d’insegnamento è l’inglese e naturalmente per gli studenti che non lo parlano viene garantito un supporto speciale chiamato programma EAL, English as Additional Language.

L’International School of Milan, si è trasferita nel 2014 a Baranzate in un nuovo campus, il più grande nel suo genere a Milano, situato a nord-ovest del centro cittadino, dove è ospitata la scuola Materna, Elementare, Media e Superiore di International School of Milan, oltre al Liceo Linguistico Internazionale e all’ Oxford Group.

La struttura, dall’architettura moderna, innovativa, è realizzata secondo un progetto all’avanguardia con materiali completamente eco-sostenibili, ha un auditorium, una piscina, una palestra, due biblioteche, servizio bar, sala mensa, spazi esterni per le attività sportive e aree verdi dedicate ai giochi dei più piccoli.

Stephen Spurr, in più di un incontro con i genitori della International School od Europe, ha dichiarato che da subito si lavorerà “non solo per soddisfare i bisogni e le necessità di studenti e genitori, ma per ottenere i più alti risultati IB, verificati con un sistema di rating mondiale, e più di tutto assicurando una preparazione in grado di aprire le porte degli studenti alle Top Universities d’Italia, d’Europa e del mondo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCampanili, scacchiere e corna di diavolo
Articolo successivoBreve cronaca dei tre anni di dominio piemontese a Milano
Francesca Spinola
Francesca Spinola. Giornalista, mamma di due teenagers, collaboro con la  Turner Television come Compliance Video Editor. Una tesi di laurea in Senegal, un’avventura da corrispondente estero dalla Libia, tanti anni da freelance con servizi dall’Africa, dal Brasile, dalla Turchia, pubblicati su diverse testate, dal Time Magazine a Vanity Fair, dall’Espresso a Repubblica, al Tempo e via così. Una passione per i viaggi, romana di nascita, cittadina del mondo, milanese d’adozione.