Home Farm: da Singapore un’idea per rendere attivi i nonni di Milano

home farm milano citta stato
home farm milano citta stato

E se i geriatrici di Milano diventassero hub per la sostenibilità, fattorie urbane i cui operatori siano autentici “nonni rangers“?

Il progetto è già una realtà in una città stato: Singapore.

Qui, gli architetti della Sparck al World Architecture Festival hanno pensato di creare la loro Home Farm, una fattoria in cui gli spazi verdi urbani coincidono con quelli terapeutici di un istituto geriatrico. O per meglio dire: mentre gli anziani sono seguiti da professionisti, essi stessi possono aiutare la comunità coltivando prodotti biologici, ambienti green, creando un polo verde per la comunità stessa.

A Singapore l’idea è nata in considerazione di due aspetti: uno, l’aumento dell’età pensionabile; due, la difficoltà a produrre ortaggi che non siano d’importazione.

Gli obiettivi, poi, sono stati “quello di stimolare un senso di appartenenza, di comunità naturale tra i membri della struttura, favorendo il lavoro di gruppo e l’organizzazione dei ritmi colturali da parte degli anziani stessi. Il privilegio di consumare ortaggi coltivati in maniera biologica, inoltre, si farà valore aggiunto nelle vite degli ospiti della casa di riposo, unendosi alla soddisfazione di aver “prodotto” il cibo per sé e per i compagni.

Del progetto faranno parte: muri vegetali composti da esemplari edibili, l’arricchimento delle pareti curvilinee degli edifici con arbusti, fioriere e vegetazione a cascata, la presenza di un orto condiviso che connetterà i palazzi adibiti a casa di riposo, un’area intermedia ad uso libero degli anziani, una fattoria acquaponica, “che concilierà la coltivazione vegetale all’allevamento ittico”, un tetto-giardino come area ricreativa.

Bene, se tutto il mondo è Paese, allora anche Milano città stato non potrà farne a meno.

 

Fonte e cover: http://www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it/casa-di-riposo-diventa-fattoria-urbana