Fu così che Milano è diventata la capitale morale

Milano è diventata “capitale morale” del Paese grazie a un napoletano.
Era il 1881 e Milano organizzò l’Esposizione Industriale, sfidando Torino e i Savoia. In quell’occasione il napoletano Ruggero Bonghi, direttore del quotidiano milanese La Perseveranza, inventò la definizione “capitale morale”, che divenne l’etichetta di Milano agli occhi del mondo.
Già allora Milano si sentiva città guida del Paese e accolse con slancio questa definizione che innescò malumori in altre parti d’Italia, non solo a Roma.
Lo storico Renzo De Felice, negli anni Novanta, contestò la definizione affermando: “se c’è un mito della capitale morale, c’è un mito anche di quella reale. L’Italia ha solo due capitali: Napoli e Palermo, le uniche che ricordano Parigi, Madrid, Vienna.”

Fonte: https://angeloxg1.wordpress.com/2015/10/05/milano_capitale_morale/