EMA: non è stata sfortuna

La fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo, diceva Freak Antoni. Abbiamo perso l’EMA al sorteggio e molti se la sono presi con la sfortuna. Altri invece denunciano manovre oscure. Si è parlato di “biscotto”, di paesi del nord Europa che pur di sconfiggere l’Italia hanno votato compatti per Amsterdam. La solita Europa nordica, senza cuore, che si diverte a farci perdere. Come la Svezia insieme all’arbitro e al palo di Darmian, alla fine è sempre una questione di poteri forti e di sfortuna. Ma da milanesi non ci piace guardare le cose in questo modo, no, dare la colpa alla sfortuna non ci basta. E allora se non è colpa sua perchè abbiamo perso l’EMA?

Per capirlo cerchiamo di imparare da chi è stata premiata dalla fortuna. Amsterdam ha vinto, malgrado alcuni punti di debolezza. Città con un clima più infausto di Milano e al centro di un territorio a cui la natura non ha fatto sconti: niente montagne e un mare che ti fa perdere qualunque voglia di tuffarti dentro. Una cucina desolante, dei dintorni noiosi, una lingua che è poco più di un dialetto. E’ una città a cui la natura non ha regalato niente, che non ha alcuna rendita di posizione ed è sostenuta da una nazione con un peso politico insignificante. Ma allora come ha fatto a vincere?

La verità è più cruda di un colpo di sfortuna. La realtà è che hanno scelto Amsterdam proprio i Paesi che danno più attenzione alla qualità della vita. Hanno votato per lei i paesi del nord Europa. Si può dare la colpa a trame oscure, ma se si guardavano i dossier presentati dalle città candidate si vedeva che Amsterdam, a differenza di altri, ha centrato la propria azione di convincimento sulla qualità della vita offerta a chi avrebbe lavorato negli uffici di EMA. Sì, perchè la chiave è proprio questa. EMA non significa un’aggiudicazione di denaro e di grandi interessi e basta, significa anche persone che con le loro famiglie devono spostarsi da Londra per costruire in un nuovo posto il loro futuro. Chiunque abbia vissuto in quei Paesi sa bene che questi sono gli interessi a cui sono particolarmente sensibili.
Noi spesso ci perdiamo tra massimi sistemi e trame oscure, ma nel nord Europa l’approccio è diverso, anche nelle aziende. Prima i dipendenti, poi i clienti e infine la proprietà. E’ una mentalità dove i poteri se sono forti lo dimostrano prendendosi cura delle persone. E allora perchè paesi con questa mentalità hanno votato in massa per Amsterdam, spostando i voti decisivi da Copenaghen?

Ieri sera, dopo aver ricevuto la notizia che Milano aveva perso EMA ero a un evento dove c’era anche il console olandese. Ne ho approfittato per capire che problemi avesse Milano secondo il suo punto di vista. Mi ha risposto che la cosa che gli piace di meno di Milano è l’inquinamento atmosferico.
Ha spiegato che anche in Olanda il tema è molto sentito. E’ un territorio pianeggiante, in gran parte al di sotto del livello del mare, che favorisce l’accumulo di smog anche per le numerose aree urbane concentrate in un territorio limitato. La lotta allo smog è da anni una priorità assoluta in Olanda. Una lotta affrontata utilizzando e sperimentando ogni tipo di tecnologia.
A Rotterdam hanno introdotto delle torri capaci di filtrare l’aria dagli agenti inquinanti. A Eindhoven hanno iniziato ad impiegare un asfalto mangia-smog. Ad Amsterdam hanno lanciato la politica dei tetti verdi, per aumentare la superficie di natura in città, e hanno sistemato centraline di rilevazione dell’inquinamento praticamente casa per casa, con un sistema di incentivi per premiare le abitazioni attorno a cui si registra una diminuzione degli inquinanti. Sempre in Olanda si sta testando Solaroad, una strada costituita da pannelli fotovoltaici in grado di produrre energia dal sole ed è stato varato un piano per incrementare i veicoli elettrici attraverso la diffusione di centraline per la ricarica, in certi casi utilizzabili gratuitamente.

Milano ha lo stesso problema di Amsterdam, forse perfino maggiore. Al centro di una pianura dove l’aria circola poco e niente, ogni inverno si boccheggia per cercare ossigeno. Ma cosa ha fatto Milano, cosa sta facendo per affrontare questo problema? Se la si paragona all’Olanda la risposta è zero. Bisogna avere il coraggio di dire che mentre l’Olanda sta affrontando il problema dell’inquinamento atmosferico, Milano non lo sta facendo. Niente nuove tecnologie, nessuna politica strutturale per affrontare questo problema. E questo non è un caso, ma indice di una mentalità che ci preoccupa e che forse ha pesato nella votazione per gli EMA molto di più del sorteggio.

Forse è questo che tiene lontani i paesi del nord dalla nostra città, che gli fa preferire le pochezze naturali dell’Olanda allo charme innegabile di Milano. Quello che li ha portati a puntare per il futuro dei loro lavoratori ad Amsterdam è una mentalità che affronta i problemi per risolverli, che usa la tecnologia e il potere per migliorare la vita dei cittadini. Una mentalità che se si perde ci si rimbocca le maniche per arrivare più preparati a vincere la prossima sfida. Una mentalità che crediamo sia anche profondamente milanese ma che forse abbiamo perso un po’ di vista, sopraffatti dalla superficialità e da un’indolenza che in realtà non ci appartiene.
Se la sconfitta dell’EMA porterà a ritrovare questa mentalità allora potrà rivelarsi una vittoria per Milano che saprà così fare fronte al ruolo di guida a cui sta venendo chiamata sempre di più da questo difficile momento storico: quello di guida determinata a risolvere i problemi del Paese. Solo così si potrà ridare forza allo stellone d’Italia e scoprire che in realtà la fortuna ci vede benissimo.

Quello che li ha portati a puntare SU Amsterdam è una mentalità che affronta i problemi per risolverli, che usa la tecnologia e il potere per migliorare la vita dei cittadini. Una mentalità che se si perde ci si rimbocca le maniche per arrivare più preparati a vincere la prossima sfida. 

ANDREA ZOPPOLATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

8 COMMENTI

  1. A luglio di quest’anno, nel presentare alla Commissione ambiente del Comune di Milano gli esiti del progetto di monitoraggio dell’NO2 con i cittadini (NO2 No GRAZIE) http://www.cittadiniperlaria.org/…/nasce-la-prima-mappa… abbiamo fatto presente all’Assessore e ai Consiglieri Comunali – con la diapositiva qui sotto – che, se Milano avesso voluto vincere davvero la partita di EMA avrebbe dovuto annunciare immadiatamente un piano di risanamento delle qualità dell’aria e riduzione del traffico a Milano che si trovava a competere con le punte di diamante della qualità della vita in Europa …. Invito e raccomandazione caduta assolutamente nel vuoto come d’altronde l’invito a modificare il PUMS drasticamente prima di approvarlo…. Cittadini per l’Aria onlus

  2. Sì ma…cosa c’entra coi farmaci? Milano è una delle capitali europee dei farmaci mentre Amsterdam lo è delle biciclette e di altre pur importanti tecnologie. C’è poi un elemento fondamentale che non hai tenuto da conto: le tasse dei residenti di Amsterdam vengono spese ad Amsterdam. Le tasse dei cittadini di Milano e più in generale della Lombardia vengono spese a Roma e al sud (residuo fiscale di 56 miliardi l’anno). Quest’ultimo punto impedisce a Milano di rinnovarsi e di rimodernarsi, oltre che di investire nel futuro. Pertanto – se mi permetti – la vittoria di Amsterdam è stata dettata da 3 fattori: da una monetina, dall’impossibilità di Milano di competere a causa del furto fiscale e da giochini politici basati sul do ut des. Infatti, nei primi 2 turni dove si votava liberamente e senza condizionamenti, Milano era saldamente in testa, segno che proprio tanto male non deve essere.

  3. Mi pare che il suo articolo sia quanto meno disfattista o pressapochista. Milano è una delle città europee che negli ultimi 15 anni ha creato più km di linee sotterranee (metro e passante). Se la si paragona alla sua superficie è indubbiamente quella che ne ha create di più. Dire quindi che non si sia fatto nulla, citando come esempio contrario le centraline per il rilevamento della qualità dell’aria sui tetti, mi sembra poco condivisibile. Concordo d’altro canto che non sia stata sfortuna. Ma le cause non sono quelle citate da lei. La Germania voleva fortemente l’Ema in uno stato più sotto la sua ingerenza rispetto all’Italia. Ha quindi fatto di tutto per far vincere prima Bratislava, e successivamente Amsterdam. Si tratta solo di geopolitica, non di scelta delle famiglie, dato che un sondaggio tra i dipendenti Ema dava Milano tra una delle città preferite dove spostarsi.

  4. Chiamare l’olandese “poco più di un dialetto” è segno di profonda ignoranza, senza contare tutti gli altri luoghi comuni imbarazzanti che hai snocciolato sull’Olanda. Sul resto però sono grossomodo d’accordo.

  5. Puro complottismo provinciale inoltre scrivere che Amsterdam “è sostenuta da una nazione con un peso politico insignificante” è ridicolo … fatemi capire, lo Stato con uno dei porti più grandi del mondo, l’areoparto più connesso al mondo, la sede di molte multinazionali e istituzioni internazionale (la Corte dell’Aia per dirne una) è con un peso politico insignificante? Forse sarebbe meglio studiare la realtà prima di certe sparate.
    Detto questo Amsterdam è bellissima e per chi si trasferirà da Londra meglio di Milano. Forse vi sfugge che anche Copenhagen si era condidata e l’hanno scartata negli step precedenti quini basta con la lagna dei Paesi nordici brutti e cattivi: abbiamo perso a un sorteggio. Punto.

  6. “hanno scelto Amsterdam proprio i Paesi che danno più attenzione alla qualità della vita”… questa è l’unica chiave di lettura in grado di mettere i milanesi e i lombardi di fronte alle loro responsabilità, senza accampar scuse su prelievi fiscali, Roma ladrona, e le solite baggianate leghiste. Non è un caso che Regione Lombardia abbia approvato la LR 31/2014 per la riduzione di consumo di suolo (non è un caso si tenga nel cassetto il regolamento attuativo per favorire gli amici immobiliaristi). Il peso che questo territorio e i cittadini tutti debbono sostenere per via di un secolo di dissennate azioni pianificatorie e speculazione edilizia senza limiti. Al di là dei danèe che si perdono senza l’EMA, e che comunque andrebbero nelle tasche dei soliti pochi, i milanesi e i lombardi debbono prendere atto che il paragone con Amsterdam in fatto di pianificazione (e quindi di qualità della vita) non è sostenibile. Tutto il resto viene di conseguenza, PM10 e dissesto idrico, mancanza di efficaci politiche infrastrutturali… la grandezza e il primato europeo di Milano restan cose di un passato assai remoto

  7. Scusate ma Amsterdam è molto più bella di Milano. Articolo di una pochezza assoluta. Vi state montando troppo la testa voi e Milano. Milano non sarà mai come Londra o Parigi. Non esiste una Londra o Parigi in Italia. Guardate al modello di sviluppo tedesco invece, più vicino al nostro con più centri di sviluppo: Berlino, Amburgo, Monaco, Ruhr e Francoforte. In Italia dovresti lavorare su Roma, Milano, Napoli. Milano può aiutare Roma e Napoli a risalire la china. Ma non è facendo l’idrovora che potrà aiutarle.

  8. “al centro di un territorio a cui la natura non ha fatto sconti: niente montagne e un mare che ti fa perdere qualunque voglia di tuffarti dentro. Una cucina desolante, dei dintorni noiosi, una lingua che è poco più di un dialetto. E’ una città a cui la natura non ha regalato niente, che non ha alcuna rendita di posizione ed è sostenuta da una nazione con un peso politico insignificante”. Pensavo che si riferisse a milano…

Comments are closed.