Cosa succederebbe se Milano fosse capitale d’Italia

“Sai qual è il segno della fine di Roma?”, mi chiede il mio amico Filippo. No, qual è, gli chiedo. “E’ la dicitura ‘Roma Capitale’. Roma Capitale è la dimostrazione del senso di inferiorità dei romani. Non capiscono che Roma è molto più grande dell’essere capitale d’Italia. Pensano di farle onore invece la umiliano. ‘Roma capitale’ è la fine, come se Milano si definisse ‘capoluogo della Lombardia’. I milanesi non lo accetterebbero mai, perchè a Milano c’è ancora dignità.”
Nonostante le sue parole possano mostrare il contrario, Filippo è un innamorato di Roma. E da innamorato soffre a vedere il suo declino incessante. Dopo la sua osservazione ho provato a immaginare insieme a Duilio Forte cosa succederebbe se Milano diventasse la capitale d’Italia.

10 cambiamenti con Milano capitale d’Italia

#1 Un Parlamento trasparente

La sede del Parlamento sarebbe tutta trasparente, così i cittadini possono vedere che stanno lavorando. Ci sarebbe una via pedonale che ci passa in mezzo. Colori chiari, finestre con vista molto lontana, sulle montagne, per dare visione e orizzonti, non come ora che è chiuso come una topaia.
Sarebbe ecososotenibile e superecologico, in pratica l’opposto di quello che è a Roma.

#2 Più saggia scelta della logistica

Se si mettesse in città ci sarebbero problemi di traffico. Invece di fare come a Roma che le istituzioni paralizzano la circolazione, verrebbe costruito tutto fuori dalla città, magari nella zona a est tra Idroscalo e l’Adda, vicina all’aeroporto. Si creerebbe un nuovo centro per la città senza intralciare la città e così la BreBeMi servirebbe a qualcosa.

#3 Impulso economico

Tutte nuove costruzioni, un nuovo centro moderno, innovativo darebbe nuova linfa al mercato immobiliare, senza inventarsi palazzi inutili che restano disabitati nel centro della città. In più, istituzioni più vicine al motore economico del Paese le renderebbero più funzionali all’economia del Paese non come ora che sono distanti anni luce.

#4 Milanesi sceriffi degli interessi dell’Italia

Altro che romani che ospitano, magnano, onorevole se segga qua, ce sarebbe ‘na mia parente. I milanesi sarebbero spietati: che ci sta a mangiare ancora alle due del pomeriggio?

#5 Abolizione del CNEL

La sede è a Roma. A Milano non c’è una sede adatta. Abolito.

#6 Modello di Stato alla milanese più efficiente di quello romano

Lo Stato odierno è impregnato di romanità fin nel midollo. Quella è la mentalità, quella è la struttura organizzativa anche perchè lo Stato vive nell’ambiente romano. Con lo spostamento a Milano tutto cambierebbe e l’efficienza innata nella nostra città rivoluzionerebbe la mentalità dei funzionari e l’assetto dell’intero Stato.

#7 Saremmo più centrali in Europa

Per poter essere più in contatto con i poteri che contano davvero.

#8 Migliore rappresentanza dei territori

Milano è molto più rispettosa delle diverse comunità. E’ l’unica città realmente cosmpopolita, con tutte persone che vengono da ogni parte d’Italia e d’Europa.

#9 Maggiore prestigio internazionale

Si verrebbe in una capitale che ha un’immagine migliore, più moderna ed europea. Tutti gli italiani all’estero ne avrebbero un vantaggio.

#10 No confusione con il Vaticano

Basta ambiguità. Roma sarebbe la città del Papa, che è così comunque, anche perché il Vaticano a livello mondiale è molto più importante dell’Italia. Finalmente l’Italia avrebbe una capitale tutta sua.

Scritto assieme a Duilio Forte