Aziende quotate alla borsa di Milano con capitalizzazione inferiore ai 100 milioni di euro più promettenti

In un periodo di mercati nervosi può essere interessante andare a scovare per operazioni sul lungo termine aziende piccole ma con grandi potenzialità di crescita.

 

#1 EXPRIVIA: L’ACQUISTO DI ITALTEL LE METTERA’ LE ALI?

Exprivia S.p.A. è un gruppo italiano con una capitalizzazione di circa 80 milioni di euro. Si occupa di Information and Communication Technology (settori Banking, Finance&Insurance, Telco&Media, Energy&Utilities, ecc.).  Ha debuttato sul listino di Milano nel 2000.

Prospettive
Nei primi nove mesi del 2017 è proseguita la crescita su buona parte dei mercati in cui il Gruppo opera. L’investimento (81%) in Italtel (società italiana leader nel mercato delle Telecomunicazioni ) è uno dei principali piani strategici che permetteranno al Gruppo di diventare leader nello sviluppo di tecnologie e soluzioni per la trasformazione digitale. Questo investimento sarà altamente determinante per Exprivia poiché il gruppo potrebbe raggiungere o addirittura superare gli obiettivi 2020 (prefissati dal Piano Industriale) in termini di Ebitda; infatti Banca Akros ha alzato da 1,3 euro a 1,7 euro il prezzo obiettivo su Exprivia, in seguito alla revisione dei parametri di valutazione dell’azienda.

Perché puntare su Exprivia?
1) Un’ampia presenza in Italia e ottima presenza in mercati ampi e solidi, come banche, finanza, sanità, energia e telco, SAP.
2) Presenza promettente nei Paesi emergenti in questo settore tra cui Asia e America del Sud.
3) Inoltre il nuovo Gruppo, che prevede un fatturato di circa 600 mln di euro, farà importanti investimenti nell’attività di ricerca e sviluppo.

Rating e Target Price

Nome Data Rating Target Price
Banca Akros 12/12/2017 Accumulate 1.70
Banca Akros 13/11/2017 Neutral 1.70
Banca Akros 31/10/2017 Neutral 1.70
Banca Akros 28/08/2017 Accumulate N.D.
Banca Akros 07/08/2017 Accumulate N.D.

 

#2 FIDIA: LA FORZA DI VW SUL FATTURATO 

Fidia S.p.A., con sede San Mauro Torinese (TO), è tra le società leader a livello mondiale nel settore della produzione, progettazione e commercializzazione di sistemi di fresatura integrati. Fidia S.p.A. è quotata al segmento STAR di Borsa Italiana dal 2001 ed ha una capitalizzazione di circa 44 milioni di euro.

Prospettive
Lo scorso 5 dicembre Fidia ha acquisito tre importanti commesse dal Gruppo Volkswagen ed il mercato ha subito apprezzato la notizia facendo balzare il titolo di oltre 25 punti percentuali in poche sedute. Nello specifico, il Grp tedesco ha commissionato tre grandi macchine altamente automatizzate che verranno installate per la produzione di componenti per autovetture.
Le ridotte dimensioni e capitalizzazione del Gruppo rendono  poco appetibile il titolo agli occhi dei grossi investitori ma proprio per questo motivo Fidia trasferirà presto l’attività produttiva nel nuovo stabilimento di Forlì per dare piena capacità produttiva. Inoltre non sono da escludere nuove espansioni in Paesi strategici e su mercati emergenti ad alto potenziale, anche mediante acquisizioni o joint-ventures.

Perché puntare su Fidia?

  • A livello grafico, i ribassi delle ultime sedute che hanno colpito Piazza Affari, potrebbero riportare il titolo fino in area 7.50 (al momento il titolo è a quota 7.92 euro, dati al 06/02/2018), buona occasione su cui intervenire in acquisto e tenere in portafoglio, titolo da cassettista.
  • I nuovi investimenti permetteranno a Fidia di aumentare efficienza e volumi produttivi, ciò potrebbe attirare l’attenzione di grossi investitori.

Rating e target price:

Nome Data Rating Target Price
Twice Research 24/01/2018 N.d. 7.20
Banca IMI 02/10/2017 Add 7.30

 

#3 ELETTRA INVESTIMENTI: PRONTA AD ACQUISIZIONI

Elettra Investimenti è holding industriale operante sul territorio nazionale nel settore della produzione di energia elettrica e termica. La società è quotata sul mercato AIM Italia da aprile 2015 ed ha una capitalizzazione di 40 milioni di euro.

Prospettive
Il management conferma la strategia di crescita attraverso acquisizioni strategiche ed avvio di nuove iniziative nell’ambito delle attività “storiche” del Gruppo, inoltre verrà rafforzata la unit dedicata all’efficienza. Il 2017 è stato un intenso anno di lavoro per il gruppo che sta migliorando il proprio percorso di crescita; inoltre gli investimenti strategici fatti dovrebbero far archiviare l’esercizio 2017 con un importante miglioramento dei margini rispetto all’analogo periodo 2016.
Il nuovo modello di business consentirà alla società di entrare nel mercato IoT  in qualità di Integrator, in questo modo riuscirà a raggiungere nuovi clienti e fette di mercato, primo fra tutti quello industriale e quello residenziale. Inoltre grazie a questa strategia Elettra Inv. potrà inserirsi anche nei mercati internazionali.

Perché puntare su Elettra Investimenti?

  • Il 2017 è stato un anno in cui Gruppo ha consolidato il posizionamento di mercato su più fronti (Energia e Service e O&M).
  • Situazione patrimoniale solida ed equilibrata con ampie disponibilità sempre utili per ulteriori sviluppi o acquisizioni.
  • Anche i dividendi sono un buon motivo per investire sul titolo. Secondo il rating di Ubi Banca il dividendo di 0,35 euro per azione del 2017 (Precedentemente EUR 0,25), dovrebbe passare a EUR 0,40 per azione nel 2018 e 0,45 euro per azione nel 2019.

 

PERFORMANCE %
Ytd +6.7
1 Mese +8.4
6 Mesi +10.3
1 Anno +107
3 Anni       –
5 Anni       –

 

Rating e Target Price: N.D.

PASQUALE FERRARO

Avviso esplicito sui rischi: Milanocittastato.it non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo o di altri articoli, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Si prega di essere pienamente informati riguardo ai rischi e ai costi associati alla negoziazione sui mercati finanziari, è una delle forme più rischiose di investimento possibili. 
Milanocittastato.it non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati.