10 ristoranti di Milano dove mangiare almeno una volta nella vita

Dopo i migliori bar dove bere almeno una volta della vita e dopo la Restaurant Map (un ristorante per ogni fermata della metro) non poteva mancare la nostra personalissima selezione di ristoranti di Milano in cui bisogna mangiare almeno una volta nella vita.

10 ristoranti di Milano dove mangiare almeno una volta nella vita

ATMosfera: si cena sul tram


E’ il ristorante più visto di Milano. Perchè si mangiano specialità della cucina milanese su un tram in stile retrò che gira per le strade della città. Bisogna prenotare in grande anticipo. Si sale davanti al Castello.

Bice: il ristorante della Milano da bere


Negli anni ottanta e novanta tutta la Milano che contava passava dal ristorante fondato da Beatrice Mungai, detta Bice. Locale storico della “Milano bene”. Aperto sette giorni su sette in Via Borgospesso 12 (zona Brera-Montenapoleone).

Da Oscar: a tavola con il Duce


Locale straniante, borderline, al limite dell’apologia al fascismo. Oscar, il titolare, si aggira tra i banconi per trovare qualche cliente con cui litigare. Ma è un tipo bonario e tutto risulta più folkloristico che revanscista. Cucina semplice e genuina. Via Lazzaro Palazzi 4 (zona Buenos Aires).

D’O: cucina pop stellata


Ristorante pluristellato anche se con una cultura pop. E’ la creatura di Davide Oldani, uno degli chef più celebri ma di profilo più minimal. Il locale è sobrio e posizionato oltre la periferia ovest. Occorre prenotare molto tempo prima.
Piazza della chiesa, 14, 20010 San Pietro all’Olmo, Cornaredo.

Joia: il vegetariano più chic


Una dieta sana come filosofia di vita è la filosofia di Pietro Leeman che offre cibo di “alta cucina vegetariana” in un ambiente molto raffinato. Via Panfilo Castaldi 18 (zona Buenos Aires).

Latteria di San Marco: per tornare indietro nel tempo


Locale che sfida tutte le leggi del commercio. Non accetta prenotazioni, non ha il sito internet ed è chiuso nel week end. Pochi posti a sedere ma se si riesce a entrare ci si ritrova immersi nell’atmosfera migliore che Milano sa dare. La titolare si prende cura dei clienti con il marito che dirige la cucina, sembra di tornare a un’epoca antica. Piatti straordinari che cambiano ogni giorno seguendo le stagioni. Via S. Marco, 24, 20121 Milano MI (zona Brera-Porta Nuova).

Il luogo di Aimo e Nadia: da sempre in vetta alle classifiche


E’ la storia di una grande amore, nato addirittura nell’infanzia, da Aimo e Nadia che nel 1962 hanno aperto in una zona defilata un ristorante leggendario. La loro forza sono le materie prime proposte in modo non tradizionale. Via Privata Raimondo Montecuccoli 6 (LOrenteggio).

Il Maggiolino: si mangia solo con le mani


Più che per mangiare si va al Maggiolino per vivere un’avventura. Si mangia con le mani, si viene bersagliati dalle arachidi o da molliche di pane, in terra finisce di tutto. Sapendo a cosa si va incontro può essere divertente. Viale Liguria 47.

Terrazza Triennale: osteria con vista sul parco


Locale sul tetto della Triennale da cui ci si gode la più bella vista dello skyline di Porta Nuova che si eleva sopra il Parco Sempione. Nelle serate di bel tempo la vista è mozzafiato. Viale Alemagna 6 (zona Sempione).

Unico: il ristorante stellato più alto d’Europa


E’ la stella Michelin più alta in Europa, al ventesimo piano della WJC Tower in zona Portello. Si cena con una cucina creativa con vetrate da cui si gode la vista su tutta Milano. Viale Achille Papa 30 (zona San Siro-Portello).