10 festival da importare a Milano

Gli artisti mediocri copiano, i grandi artisti rubano. La frase non è mia, l’ho rubata. Non vi dico a chi altrimenti poi andate a dirglielo e lui si arrabbia con me.

Il principio dietro a questa affermazione è molto semplice, quando scopro che qualcuno ha fatto qualcosa che mi colpisce, posso prendere quell’opera e trasformarla in qualcosa di inedito grazie al mio genio. Nessuno inventa più niente. Solo che i mediocri si fanno scoprire e quindi vengono accusati di aver copiato, i grandi artisti invece riescono a modificare quel tanto che basta per convincere il mondo di aver prodotto qualcosa di originale.

Anche Milano dovrebbe cominciare a rubare, e siccome Milano non è mediocre, riusciremmo senz’altro a rivendicare la paternità di ciò che abbiamo preso altrove.

Perché non cominciare con qualche festival?

festival10 festival da importare a Milano

 

#1 Il festival degli artisti di strada di Edimburgo.

Una settimana di arte ovunque, praticamente il rinascimento.

 

#2 Il festival di Sanremo.

Potremmo organizzare a Milano il festival della canzone italiana, tanto i teatri non mancano. Inoltre sarebbe interessante cambiargli il nome in festival di Sant’Ambrogio.

 

#3 Il Burning Man del Nevada.

Potremmo bruciare un grosso uomo di legno e paglia davanti al Duomo. Sarebbe un bel gesto nei confronti della laicità.

 

#4 Festival delle luci di Lione

Per un periodo c’è stato anche a Milano: il LED Festival. Ora è rimasto solo a Lione.

 

#5 Diwali

La festa delle luci. Si potrebbe utilizzare il Pirellone.

 

#6 La Biennale di Venezia

Alla fine i Navigli ricordano molto il bacino di San Marco nel dipinto di Francesco Guardi.

 

#7 Oscar

Per anni lo zenit dei premi audiovisivi di Milano è stato il telegatto consegnato dal Gabibbo. I tempi sono maturi per tentare un’evoluzione verso gli oscar del cinema. Potremmo istituire l’Orso di Milano.

 

#8 Premio Nobel

Nessuno ha voglia di andare fino a Stoccolma a ritirare il tanto ambito premio alla carriera. È ora di farlo capire agli scandinavi.

 

#9 Tomorrow Land 

Un festival musicale famoso soprattutto per le decorazioni e i fuochi artificiali che lo accompagnano. Finalmente sapremmo cosa fare con l’area Expo.

 

#10 Raduno Wikipedia

Una sorta di Fuorisalone con gente ancora più strana.