Quando il grand Hotel Plaza osò sfidare Palazzo Reale

Plaza dettaglio
Plaza dettaglio

La via Rastrelli corre, un po’ defilata, a ridosso di piazza Diaz, quest’ultima aperta tra il 1928 e il dopoguerra, in seguito agli sventramenti che cancellarono il quartiere del Bottonuto.
Mentre il lato dei numeri dispari è da sempre occupato dal vasto e complesso edificio del Palazzo Reale, il lato dei numeri pari nasconde diverse curiosità.

Nella via Rastrelli ebbero innanzitutto sede, proprio di fronte al palazzo reale, le Regie Poste, ospitate in un bel palazzo neoclassico disegnato appositamente da Leopoldo Pollack (1751-1806).

rastrelli palazzo poste pollack
rastrelli palazzo poste pollack

Purtroppo, nel 1908, senza tanti rimpianti, questo imponente edificio venne demolito per far posto all’hotel Plaza.

 

rastrelli palazzo poste pollack ottocento
rastrelli palazzo poste pollack ottocento

La moderna e lussuosa struttura alberghiera venne pensata come costruzione angolare, per avere una fronte affacciata anche sulla via Paolo da Cannobio.

Tuttavia, per varie ragioni non ultime quelle economiche, fu edificato solo il lato su Rastrelli, anche se l’Hotel Plaza sulle proprie cartoline pubblicitarie mostrava orgogliosamente la facciata come avrebbe dovuto essere secondo il progetto mai completato.

Plaza dettaglio
Plaza dettaglio

Nell’edificio era stata costruita, per volere del proprietario di alcuni lotti di case abbattute, l’avvocato Pietro Volpi Bassani, una galleria pedonale commerciale, che univa la via Rastrelli con la via Visconti, in pieno Bottonuto.

Demolito poi il Bottonuto, l’hotel Plaza fece erigere nel 1938 un vasto e più moderno edificio sulla nuova piazza Diaz, in modo da avere un ingresso prestigioso e ben visibile (diventando il “grand hotel Plaza”).
Il vecchio edificio sulla via Rastrelli fu declassato a retro dell’albergo, con gli ingressi di servizio.

Cosa resta oggi di tutte queste curiosità storiche? Chi percorre la via Rastrelli può ancora notare la parte realizzata del Plaza, nella cui facciata si nota un ingresso contornato da due colonne e chiuso da una vetrata, quello che un tempo era la galleria Volpi Bassani.
Del nuovo grand hotel Plaza di piazza Diaz, si può solo dire che ormai risulta chiuso per cessata attività.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlberto Fortis e il suo grande amore per Milano
Articolo successivoPerchè Milano non può rallentare proprio ora (Intercettazioni Milano)
Mauro Colombo
Avvocato prima e responsabile di redazione per una casa editrice giuridica oggi, da sempre appassionato di storia e storie milanesi, ho cominciato a collezionare libri e foto sulla mia città, fino a quando è nata l'idea di collaborare con alcuni siti internet di storia locale. Tre anni fa ho aperto un blog e una pagina facebook ("milanoneisecoli"), dove racconto gli aneddoti, i luoghi, i fatti, i personaggi di Milano. Da due anni collaboro con un'associazione culturale nell'allestimento di mostre tematiche sulla città per conto del Comune di Milano.