Le 7 regole del galateo della spiaggia

La gente è convinta che la spiaggia sia una zona franca dove puoi fare tutto quello che vuoi. Sbagliato, quelle sono le acque internazionali piene di sirene e di pirati.

Fin quando resti dentro i confini della territorialità nazionale devi seguire le norme di comportamento previste dagli autoctoni. Per esempio se va in Papua Nuova Guinea è brutto rifiutare lo stinco di esploratore offerto in dono dagli indigeni.

galateo della spiaggiaLe 7 regole del galateo della spiaggia

 

#1 Non lasciare le sigarette in spiaggia (metterlo nel cocco)

Anche se fuori dai locali mettono la sabbia nel posacenere questo non significa che tutta la spiaggia sia un enorme pattumiera per i tuoi mozziconi.

 

#2 Non avere musica a palla

Pensare che i tuoi gusti musicali siano talmente sofisticati da conferirti l’onere di erudire tutto il litorale è un pensiero leggermente psicotico.

 

#3 Non tutti sono interessati alle tue conversazioni telefoniche

Abbassa il volume della tua voce, non sei sul tram.

 

#4 Non contrattare con la collana se non la vuoi prendere

Quando si avvicina il venditore, sotto il sole torrido delle due di pomeriggio, carico come un furgoncino di medie dimensioni, non è il caso di fermarlo se non sei veramente interessato agli articoli che offre.

 

#5 Non riempire di sabbia chi sta a prendere il sole

Per esempio potresti cominciare indossando le pinne quando arrivi a bordo mare, non sette chilometri prima. Altrimenti lungo il tuo percorso al mare seminerai vento e poi raccoglierai tempesta.

 

#6 Non sbattere il telo mare

Altrimenti vengo a casa tua e sbatto la tovaglia sopra il tuo divano in alcantara e vediamo se ti fa piacere. Come con i bambini bisogna fare con voi…

 

#7 Non guardarsi in giro come un allupato

Gli occhiali da sole sono stati inventati con lo scopo preciso di proteggere il vagare errabondo dei bulbi oculari in contesti a elevata densità di natiche.