Le 10 app immancabili a Milano

A Milano le app sono fondamentali come l’aria, senza di loro la vita non avrebbe un programma e l’essenza stessa dell’essere milanesi potrebbe essere compromessa. Vediamo la classifica delle 10 app più importanti per i milanesi.

Le 10 app immancabili a Milano

#10 Mytaxy
Il milanese viaggia sempre per affari, non ha di certo tempo da perdere dietro agli orari e ai ritardi incalcolabili degli autobus e dei tram. Infatti prende il taxi, non importa se gli ci vorranno 40 euro per arrivare da Porta Romana a San Siro.

#9 Runtastic
Il milanese fa attività fisica dopo l’ufficio, prediligendo la corsa al Parco Sempione e misurando attentamente i chilometri percorsi e i risultati ottenuti.

#8 Spotlime
Di tanto in tanto al milanese rimane del tempo libero, e quando non si perde nella frustrazione e nella noia in cui si chiede amleticamente quale sia lo scopo della domenica, si butta negli eventi della movida milanese, nei luoghi di cultura, fa l’aperitivo, va ai mercatini vintage. Ma come può scegliere i migliori eventi vicini a lui? Spotlime è la risposta.

#7 Elevate
Il milanese deve sempre tenere la mente occupata e soprattutto deve continuare ad accrescere le sue
capacità intellettive senza sosta per poter far fronte alle sfide quotidiane che lo attendono. Elevate, con i suoi giochi e esercizi per allenare soprattutto la parte matematica e analitica del cervello, è quello che fa al caso suo.

#6 Crowdfire
Al milanese non basta essere social, deve assicurarsi di avere un numero di follower che soddisfino le sue manie di grandezza malcelate. Infatti usa Crowdfire, uno dei migliori tool per accrescere follower su Twitter.

#5 Instagram
Il milanese fa le foto a praticamente qualsiasi cosa abbia un nome e sia indicabile, altrimenti come fa a far sapere al mondo che è stato in vacanza a Formentera, che ha fatto colazione con muesli e smootie al mango, che ha dei cani stupendi, che i suoi gatti hanno distrutto la tappezzeria ma sono tanto coccolosi?

#4 Slack
Il milanese deve poter essere sempre connesso con i suoi collaboratori e scarica l’app di Slack per poter inviare loro (generalmente la domenica pomeriggio) del materiale interessante su cui fare approfondimenti lunedì mattina alle 8.30.

#3 Twitter
Sembra in crisi un po’ ovunque ma a Milano tiene botta perchè il milanese partecipa agli eventi, anche a quelli che non interessano direttamente il suo business, e vi partecipa attivamente con il Live Twitting, spesso distraendosi da chi sta tenendo gli speech.

#2 Linkedin
Il milanese vive per lavorare sin dall’inizio della sua specie. Altrove la si usa soprattutto per cercare lavoro, a Milano serve per fare networking, incontrare altri professionisti, restare informati sui principali temi che riguardano le sue maggiori expertise.

#1 Flipboard
Il milanese deve sempre essere informato sugli ultimi avvenimenti e novità, soprattutto su quelli che riguardano Innovazione, business e affari. Spesso non ha il tempo per leggere Il Sole 24 Ore o Milano Finanza, quindi utilizza i migliori aggregatori di informazioni, da convidere poi su Facebook, Linkedin, Twitter, ecc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn effetto positivo dell’inquinamento
Articolo successivoE’ anche capitale degli Erasmus
Francesca Bartolino
Laureata con lode in Comunicazione e Produzione Multimediale, Francesca si occupa di marketing e comunicazione digitale per le imprese ICT di Confcommercio ed è supervisore di progetti legati all’innovazione nel retail e allo sviluppo di servizi dedicati all’ecosistema startup italiano. Scrive di innovazione, imprenditoria femminile e nuove tecnologie, collaborando con diversi magazine online. Ama Milano, i libri fantasy, le sue origini croato-molisane, ma soprattutto i suoi nipotini.