Il 28: l’icona di San Francisco è un regalo di Milano

Non solo la Statua della Libertà. C’è un’altra icona di una grande città americana che è stata donata da noi europei. Più precisamente, da noi milanesi. Ma partiamo da Milano. 

Leggi anche: La statua della libertà è un plagio!

Per spostarsi ci sono molte alternative: a piedi, in bici, con lo scooter sharing. Sicuramente, se si vuole godere della vista mozzafiato che Milano ha da offrire, c’è solo un modo per farlo: lasciarsi trasportare in superficie dall’ATM.

A questo proposito, il mezzo migliore per sfrecciare su due ruote e un filo è ”IL” Ventotto.

Orgoglio di Milano, bolide della tecnologia di inizio Novecento, venne forgiato nel 1927 ed entrò in servizio nel 1928 con la serie 1500. E da allora non si è fermato.

Livrea gialla, biglietto da 70 lire: questo modello a carrello della serie 1500 venne progettato e costruito in 500 esemplari dall’americano Peter Witt, a partire dal 1928. Andò talmente bene a Milano che altre città del mondo hanno adottato questa soluzione di trasporto pubblico.
Su tutte, San Francisco, negli Stati Uniti, dove è diventato un elemento iconico del paesaggio urbano, assimilabile al Duomo per Milano e alla Torre Eiffel per Parigi.

Oltreoceano il Ventotto ci arrivò dopo l’arrivo degli EuroTram (ADtranz) serie 7000, e dei Sirio (AnsaldoBreda) nelle due serie 7100 e 7500, con la conseguente dismissione dei ventotto e alla vendita a privati di numerose vetture.

L’Azienda di Trasporti di Milano decise di donarne dieci alla  San Francisco Market Street Railway e questi ancora oggi svolgono la loro normale attività di linea. 

Ma non sono gli unici casi.  Melbourne, Madrid, Bruxelles, Iowa, Mount Pleasant, San Josè e Francoforte, una volta  pure nel lontano Giappone (oggi non più in servizio) sono le fermate raggiunte dai tram meneghini. Senza contare le più vicine Cologno Monzese, Vigevano, Pavia e varie città della provincia del Varese, dove si vedevano scorrazzare fino a non tanto tempo fa.

Oggi quel modello vintage non è più ‘on top’, soppiantato dai più moderni e pratici Jumbo. Ma recuperano nelle occasioni in cui Società ATM li concede, per una notte, come location di una festa passante o per una cena molto speciale: ATMosfera è il ristorante mobile di ATM che propone una romantica cena a lume di candele a spasso per le vie di Milano.

In onore del 23 pt. Fontana – Lambrate Fs

SYDNEY LUKEE

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT(OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

CONDIVIDI
Articolo precedenteKorean Wunderkammer: l’ arte coreana a Milano
Articolo successivoQuando alla Scala si prendeva in giro il Papa
Sydney Lukee
Studio al primo anno della Magistrale alla Facoltà di Ing. Elettrica del Politecnico di Milano, vivo a Como (viva il pendolarismo!), mi occupo di competizioni di Ingegneria e contest di Architettura e Design, e sono un volontario di eventi internazionali (Giochi Olimpici, EXPO, FCAAAL - Festival Cinema Africa, Asia ed America Latina). Quando non racconto i borghi del mondo sul mio blog Borgsid, suono il clarinetto in una banda.