La storia di Palazzo MARINO: da casa maledetta a sede del Comune

Era un ricco banchiere, Tommaso Marino, che lo eresse nel 1598, commissionando il progetto a Galeazzo Alessi. La sede del futuro Comune di milanese aveva ben poco: Marino era genovese, Alessi era perugino. Nessuno dei due viveva in città, anche per questo il palazzo fu malvisto dai milanesi che lo consideravano un oltraggio alla loro città e un’opera estranea allo stile milanese.

Alla morte di Tommaso Marino, la famiglia subì un profondo tracollo, che sarebbe culminato nel 1577 col pignoramento, a saldo dei numerosi debiti contratti, finendo nelle mani dell’amministrazione pubblica. Durante questo periodo il palazzo cominciò a deperire finché nel 1632 lo Stato vendette il palazzo agli eredi del banchiere Emilio Omodei, anche se non lo abitarono mai.

Il 14 luglio 1781 per la somma di 250.000 lire lo Stato ritornò in possesso del Palazzo che, durante il periodo napoleonico, divenne sede del Ministero delle Finanze e del Pubblico Tesoro del Regno d’Italia.
Dopo le Cinque giornate di Milano, il palazzo divenne sede del Governo provvisorio della Lombardia e, nel 1859, il palazzo passò dalla proprietà dello Stato a quella del Comune che lo elesse a sua sede nel 1861.

Alcune curiosità sul palazzo: inizialmente era orientato verso piazzetta San Felice ed ha la caratteristica di essere l’unico palazzo del centro di Milano a non accostarsi a nessun altro palazzo sui quattro lati.

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
Milano città stato: la rivoluzione inevitabile per uno stato allo sbando
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)